Jake Hunter Detective Story: Prism of Eyes – Primi dettagli e immagini da ARC SYSTEM WORKS

Jake Hunter Detective Story: Prism of Eyes

È passata solamente una settimana dall’annuncio ufficiale di Jake Hunter Detective Story: Prism of Eyes avvenuto attraverso le pagine della rivista Famitsu, ed ecco che ARC SYSTEM WORKS è già pronta a passare all’attacco diffondendo i primi dettagli e immagini varie.

All’interno del gioco non solo potremo vestire i panni di Jake Hunter (Saburou Jinguuji nella versione Giapponese), ma anche quelli di Scott Kingsley (Sanzou Kumano) e Yulia Marks (Youko Misono). Questa sarà la prima volta in cui i due appariranno in una storia che li vedi coinvolti come protagonisti principali, e grazie a questi sarà possibile assistere a scenari diversi da quanto visto fino a oggi.

Dal momento che questo titolo è destinato a due console del calibro di PlayStation 4 e Nintendo Switch, la grafica è stata aggiornata per sposarsi nel miglior modo possibile con le due piattaforme (fatta eccezione per i quattro capitoli nuovi, che quelli sono stati direttamente creati in alta definizione). In aggiunta ai quattro capitoli appena citati, in tutto e per tutto tre storie principali e un Mystery Case File, Jake Hunter Detective Story: Prism of Eyes offrirà ai suoi giocatori e fedeli fan una selezione di 10 capitoli precedentemente proposti.

Di seguito potete trovare una corposa galleria di immagini del gioco, il cuo debutto in Giappone è atteso il 9 agosto.

Jake Hunter Detective Story: Prism of Eyes – Immagini

Fonte: ARC SYSTEM WORKS via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.