DRAGON QUEST Monsters: Joker 3, Shonen Jump introduce la Great Riders Cup

DRAGON QUEST Monsters: Joker 3

Tramite le pagine del nuovo numero della rivista nipponica Shonen Jump, ci viene introdotta oggi la Great Riders Cup, uno degli elementi multiplayer offerti da DRAGON QUEST Monsters: Joker 3.

Questa feature sarà principalmente basata sul Ride System, e potrà ospitare fino a quattro partecipanti intenti a darsi battaglia cavalcando uno degli enormi mostri offerti dal titolo. Sarà possibile giocare sia contro il computer che in multiplayer locale e wi-fi, dove tutto quello che ci sarà richiesto di fare sarà catturare i molteplici slime sul campo, e portarli in un’apposita area specificata. Ovviamente, il giocatore che al termine del tempo limite avrà più punti sarà il vincitore. In questa modalità ci saranno varie valutazioni finali, dove più alta sarà quella che riceveremo, e più stravagante sarà la ricompensa ottenuta.

Ciascuno dei mostri cavalcabili avrà particolarità, abilità, e attacchi unici, per cui è consigliabile scegliere il migliore a nostra disposizione. Inoltre, durante le fasi di gioco in questa modalità ci sarà possibile effettuare sorprendenti scatti utilizzando l’energia di un’apposita barra che si riempirà durante il corso della battaglia, e potremo utilizzare sia oggetti di attacco che troveremo in giro, come le bombe, che anche oggetti utili per difenderci dagli attacchi avversari.

Prima di lasciarvi alla scan della rivista, vi ricordiamo che il titolo è atteso sui Nintendo 3DS nipponici dal 24 marzo.

dragon-quest-monsters-joker-3

Fonte: Shonen Jump via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.