Ore no Skikabane wo Koeteyuke 2 arriva in Giappone

ore no skikabane wo koeteyuke 2 cover

ore-no-skikabane-wo-koeteyuke-2-boxartOre no Skikabane wo Koeteyuke 2, che tradotto in lingua anglofona suonerebbe più o meno come “Over my dead body 2” è il titolo del sequel di un JRPG originariamente uscito sulla prima PlayStation nel 1999, che non ha mai varcato i confini del paese del Sol Levante.

Il suo sequel è stato annunciato da Sony Computer Entertainment Japan Asia, che conferma oggi la sua data di uscita su PlayStation Vita il prossimo 17 luglio.

Assieme alla normale edizione retail verrà lanciata una speciale Collector’s Edition a tiratura limitata conterrà una copia del gioco assieme a una custodia per PS VITA, un adesivo da applicare sul fronte della console, un laccetto da polso e un panno per pulire la console. Il bonus preorder invece sarà costituito da uno speciale volume a fumetti che includerà anche l’intervista al game designer Shoji Masuda e altri membri dello staff. Assieme a questo sarà possibile ottenere un codice per scaricare una divinità rara da usare nel gioco.

Il 24 aprile verrà lanciata sul PSN nipponico una versione demo del gioco, che permetterà di vivere sin dalle prime battute l’avventura di Ore no Skikabane wo Koeteyuke 2, con la possibilità di trasferire poi i dati salvati sulla cartuccia di gioco vera e propria. Di seguito vi proponiamo tre originali spot televisivi in onda in Giappone.

http://youtu.be/gIML4M3FDOM

http://youtu.be/Alc9wUCX8-M

http://youtu.be/KVNtvTIinTA

Fonte: Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.