Captain Tsubasa: Rise of New Champions – Scendiamo in campo con i primi tre DLC

Scoprite assieme a noi Levin, Bunnaak ed Espadas, ovvero i primi tre giocatori DLC disponibili per Captain Tsubasa: Rise of New Champions

Captain Tsubasa: Rise of New Champions – Scendiamo in campo con i primi tre DLC

Lo scorso 3 dicembre hanno finalmente debuttato in Captain Tsubasa: Rise of New Champions i primi tre personaggi DLC, linfa vitale che ha finalmente fatto riprendere il gioco in mano a coloro che lo avevano messo un po’ da parte nell’attesa di nuovi contenuti e, soprattutto, della risoluzione di bug e problemi vari che affliggono la componente multiplayer online.

I primi giocatori a scendere in campo non sono esattamente i tre che ci aspettavamo da subito (ma che continuo a sperare vengano aggiunti nei prossimi DLC), ma sono senza ombra di dubbio dei volti conosciutissimi dai fan della serie, delle figure importanti che anche noi avevamo correttamente pronosticato.

Stefan Levin

Capitano e asso del calcio svedese. È un centrocampista di una potenza unica, che nel gioco propone una serie di tiri inediti invece del classico Levin Shot che un po’ tutti si aspettavano. Ma dopotutto ci sta, così come nel caso di altri giocatori, vedi Kluivoort. Parliamo di una versione di Levin più giovane rispetto a quella che abbiamo conosciuto nel manga, quindi probabilmente la motivazione principale può essere che ancora non lo aveva messo a punto. Fortunatamente può almeno fare sfoggio della sua celebre Coltre dell’aurora, abilità di dribbling con cui manda in confusione gli avversari grazie alla sua velocità. Il suo kit di abilità e tecniche è il seguente:

Captain Tsubasa: Rise of New Champions – Scendiamo in campo con i primi tre DLC

Singprasert Bunnaak

L’enorme difensore della Tailandia promette tempi duri ai giocatori avversari che tentano di avvicinarsi alla porta per provare un tiro. Il suo punto di forza è la potenza, che dimostra nel pericoloso dribbling e nei blocchi degli attacchi avversari, dove usa il suo corpo come uno scudo da qualsiasi tiro. Se pensate che un difensore del genere non sia però in grado di tirare, vi sbagliate di grosso! Il suo kit di abilità e tecniche è il seguente:

Captain Tsubasa: Rise of New Champions – Scendiamo in campo con i primi tre DLC

Ricardo Espadas

Saracinesca della porta messicana. Para con un’agilità incredibile, come un condor, e se questo non vi basta, provate a passargli la palla: dribbla come un forsennato e, appena arrivato in prossimità della porta, è in grado di sparare un tiro davvero formidabile! Un giocatore a tutto tondo. Il suo kit di abilità e tecniche è il seguente:

Captain Tsubasa: Rise of New Champions – Scendiamo in campo con i primi tre DLC

Percorso Otomo

Captain Tsubasa: Rise of New Champions – Scendiamo in campo con i primi tre DLC

Appena un giorno prima dei tre giocatori DLC, invece, è stata rilasciata una nuova route della modalità NEW HERO, ovvero il pezzo di storia originale che richiede agli utenti di creare il proprio giocatore avatar, selezionare una delle scuole, e affrontare una spettacolare avventura verso la vittoria non solo del torneo scolastico, ma addirittura dei mondiali.

Di base il gioco propone tre route, Toho, Musashi e Furano, tutte che portano alla competizione mondiale ma che, se intraprese alcune azioni, permettono non solo un finale diverso, ma anche di sbloccare varie squadre.

Dal 2 dicembre invece è stata introdotta la route della Otomo, una trovata simpatica anche se non esattamente quanto ci aspettavamo. Con la presenza di nuovi personaggi, era naturale pensare a una sorta di espansione o continuazione delle vicende di storia, che ovviamente introducessero i nuovi giocatori inserendoli nel mondo di gioco. A conti fatti però, i giocatori hanno potuto sperimentare la storia affiancando il proprio avatar a Shun Nitta, Hanji Urabe e il resto della Otomo in un percorso di durissimi allenamenti e sacrifici, mossi dalla sete di vendetta verso la Nankatsu che li ha eliminati nella competizione precedente.

Purtroppo però, questo è quanto: conclusa la parte delle scuole, tutta la fase decisamente più interessante e accattivante dei mondiali resta la stessa. A differenza delle tre passate route, dove intraprendendo alcune scelte era possibile sperimentare scenari nuovi, stavolta è tutto già visto. E i tre personaggi DLC? La loro presenza, almeno al momento, è puramente extra e relegata nella sola parte del team building e delle competizioni online, quantomeno per i giocatori che li hanno scelti per le proprie squadre. Nella storia sono presenti solo tramite le carte giocatori che si trovano spacchettando negli appositi pacchetti del negozio, e se scelti per il friend system, allora i tre faranno una capatina veloce per insegnarci le loro tecniche e… basta, basta così.

Cosa aspettarsi in futuro? Sebbene non sappiamo l’identità dei prossimi personaggi aggiuntivi, sappiamo che altri tre arriveranno nei primi mesi del 2021. Anche per quanto riguarda le eventuali nuove parti di modalità NEW HERO al momento non ci è dato sapere niente, ma ci auguriamo che se qualcosa arriverà, non si fermi solo a “rifare la storia con una nuova scuola” ma ci permetta di sperimentare qualcosa di diverso anche nella competizione mondiale. Magari qualcosa che vada oltre quanto già visto.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*