NEKOPARA Vol. 2 per PS4 e Switch includerà NEKOPARA Extra

NEKOPARA Vol. 2 per PS4 e Switch includerà NEKOPARA Extra

Atteso sulle PlayStation 4 e Nintendo Switch di tutto il mondo dal 14 febbraio grazie al publisher CFK e Neko Works, la versione console di NEKOPARA Vol. 2 potrà contare anche su un extra, anzi, su NEKOPARA Extra per la precisione.

Originariamente rilasciato su PC in versione standalone, NEKOPARA Extra verrà sbloccato automaticamente una volta che i giocatori avranno terminato l’avventura di NEKOPARA Vol. 2, e ovviamente sarà renderizzato a 1080p con il supporto alle lingue inglese, giapponese, cinese tradizionale e semplificato.

Di seguito potete trovare una piccola introduzione al gioco:

La storia prende luogo sei mesi prima dell’apertura della pasticceria La Soleil, dove le amatissime ragazze-gatto lavorano assieme a Kashou.

Il periodo in cui Chocola e Vanilla sono entrate a far parte della famiglia Minaduki, prima che decidessero di accogliere anche altre ragazze-gatto.

In quel preciso momento, quando iniziarono a rivolgersi a Kashou come “master”, vivendo il loro primo Natale e condividendo le proprie promesse per il futuro.

Panoramica

NEKOPARA Extra è un semplice episodio aggiuntivo extra della serie principale, sbloccato grazie a uno degli stretch goal della raccolta fondi dedicata a NEKOPARA OVA. Le amatissime Chocola e Vanilla sono tornate, e stavolta la trama si concentrerà sul loro arrivo dai Minaduki, ovvero gli eventi che precedono quelli narrati in NEKOPARA Vol. 1.

Vi lasciamo a una piccola galleria di immagini dedicate al gioco!

Fonte: Neko Works via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*