Lost Dimension: introduzione alle nuove feature di giudizio

lost dimension cover def

Grazie ad una serie di nuove immagini apparse in rete, ci vengono spiegate in modo più esauriente alcune delle feature presenti in Lost Dimension, il nuovo RPG di FuRyu e Lancarse per PlayStation 3 e PlayStation Vita. Quelli che ci vengono introdotti oggi sono il Vision, Judgment e Confidence system, alcune delle funzioni essenziali di gioco, mostrate nella passata notizia sotto forma di trailer.

In Lost Dimension, le scelte e le decisioni dei giocatori saranno importantissime. Dopo ciascuna missione portata a termine, sarà possibile sentire la voce del cuore nei nostri compagni di team, in cui apparirà anche una strana voce misteriosa indicata dal colore rosso. Rigiocando quella specifica missione, sarà possibile capire quali membri della nostra squadra saranno i traditori. In caso ci fosse ancora qualche dubbio, utilizzando l’apposita funziona Deep Vision, saremo in grado di esplorare le menti degli altri personaggi e determinare se ci stanno o meno tradendo. Ovviamente, per non rendere il tuto più facile e abusare di questa feature, il numero di volte in cui è possibile usarlo sarà limitato.

Quando avremo smascherato il traditore, ecco che entrerà in gioco la funzione Judgment. La persona accusata verrà messa a una votazione, e a prescindere che essa sia colpevole o meno, verrà eliminata senza pietà.

Sarà possibile manipolare i voti degli altri personaggi, semplicemente controllando l’affidabilità e la fiducia tra di loro, offrendo la possibilità di alterare alcuni giudizi riguardo il presunto colpevole. Ovviamente sarà difficile spingere gli altri a votare per l’eliminazione di un membro affidabile, per cui sarà necessario controlalre spesso e volentieri l’abbidabilità dei personaggi tramite le battaglie e le apposite conversazioni.

Vi lasciamo di seguito alle nuove immagini riguardanti le nuove feature di gioco.

Fonte: Gematsu

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.