Saintia Shō, lo spin-off al femminile di Saint Seiya

Scopriamo insieme Saintia Shō, lo spin-off interamente al femminile della celeberrima opera di Masami Kurumada

Saintia Shō - Lo spin-off al femminile di Saint Seiya

Nata dalle matite di Chimaki Kuori (autrice del manga Gundam SEED DESTINY: THE EDGE) nel 2015, Saintia Shō – Le Sacre Guerriere di Athena è un’opera a fumetti che si affianca alla serie centrale di Saint Seiya: temporalmente si colloca a pochi giorni dalla Guerra Galattica, il primo arco della serie storica dove tutti i cavalieri di bronzo si sarebbero scontrati in combattimenti quasi mortali, seguendo però la storia delle due sorelle Kyōko e Shōko, da cui prende il nome la serie.

All’interno dell’opera perciò si potranno ritrovare vecchie conoscenze quali i protagonisti storici che gradualmente appariranno nella serie in brevi camei, così come gli amatissimi Cavalieri d’Oro: la serie stessa si apre con Milo dello Scorpione che, nel pieno della serenità e a cuor leggero, si accinge a uccidere la protagonista ancora bambina con la sua caratteristica Cuspide Scarlatta; ciò che spinge il Cavaliere d’Oro è però un motivo più che comprensibile, poiché Shōko è stata designata come avatar della Dea Eris che si prepara a risorgere.

Sarà però l’intervento repentino della sorella, gettatasi tra una Shōko esanime, dopo esser stata aggredita da una servitrice della Dea, rinchiusa nel Pomo della Discordia, a far tornare sui propri passi Milo dello Scorpione, che le avverte: se vorranno continuare a vivere in pace, dovranno affrontare il destino che le attende divenendo più forti che mai. Andando avanti di cinque anni, Shōko frequenta le scuole medie continuando ad allenarsi nelle arti marziali mentre Kyōko è diventata una Saintia: protettrice personale di Athena, mansione alla quale solamente delle donne possono adempiere.

Saintia Shō - Le Sacre Guerriere di Athena

Verrà poi spiegato che, a differenza della visione di Saint iniziale secondo cui le donne sono obbligate a rigettare la propria femminilità, indossando una maschera per poter utilizzare il proprio cosmo, vi è la possibilità di affiancare personalmente l’incarnazione della Dea della Sapienza; seguiranno poi le vicende salienti parallele della serie madre oltre alla sopracitata Guerra Galattica, come la corsa delle Dodici Case per salvare Saori Kido. Anche l’antagonista è già celebre: i fan di vecchia data la ricorderanno senz’altro dai tempi del primissimo film, La Dea della Discordia curato dall’intramontabile accoppiata Michi Himeno e il compianto Shingō Araki.

CrunchyrollQuesto anime è disponibile sottotitolato in italiano su Crunchyroll, la prima piattaforma online internazionale completamente dedicata al mondo dell’animazione giapponese, dei manga e dei drama. Puoi guardare gratuitamente Crunchyroll sul tuo PC, sul tuo smartphone e sulla tua console iscrivendoti con un account gratuito oppure sottoscrivendo un piano di abbonamento mensile che ti permetterà di seguire gli anime in simulcasting con il Giappone.

Un buon lavoro dello Studio Gonzo che vi si approccia dopo il monopolio TOEI (pur curandone la produzione) del brand, per un ONA (Original Net Anime) oltretutto curato da Masato Tamagawa, conosciuto per ARIA the Animation e dal character designer Keiichi Ichikawa, che già lavorò sui Cavalieri attraverso Saint Seiya Omega. Un modo decisamente più intelligente e performante, quello di recuperare uno spin-off passato molto in sordina al passo con l’epoca in corso che comunque non infanga il ricordo degli appassionati, senza dover peraltro stravolgere stupidamente personaggi molto amati in rifacimenti, per usare un eufemismo, più che opinabili.

La serie è in simulcast col Giappone ogni lunedì, solo su Crunchyroll.

LordLando
Maestro di Karate e Amicizia: temprato dall’intrattenimento nipponico vecchia scuola e dal collezionismo, il suo sogno è quello di avere in giardino lo Unicorn Gundam di Odaiba.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*