CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition – Recensione

Rivivi l'avventura di Serge tra dimensioni parallele in CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition, in arrivo su console e PC

CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition - Recensione

Mancano pochissimi giorni al rilascio in tutto il mondo di CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition, versione rimasterizzata del classico SQUARE ENIX del 1999. Grazie a questa remastered per la prima volta dopo vent’anni non solo avremo modo di rigiocare il titolo sulle piattaforme di attuale generazione, ma potremo mettere mano per la prima volta in Occidente anche sull’avventura testuale che ha ispirato la sua creazione: RADICAL DREAMERS -Le Trésor Interdit-. Per questa nuova edizione le due opere dirette da Masato Kato hanno subito delle migliorie sia a livello grafico, in modo che possano adattarsi al meglio agli schermi moderni, che a livello sonoro grazie ad un ampliamento della soundtrack. Inoltre sono state introdotte tantissime opzioni per semplificare la vita del giocatore, come la possibilità di accellerare la velocità del gioco o di ricevere un aiuto in battaglia.

Ma riusciranno queste migliorie a rendere attuale un titolo che ha oltre vent’anni? Scopritelo nella nostra recensione di CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition!

CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition - Recensione

  • Titolo: CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition
  • Piattaforma: PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch, PC
  • Versione analizzata: PlayStation 4 (EU)
  • Genere: JRPG, Avventura testuale
  • Giocatori: 1
  • Publisher: SQUARE ENIX
  • Sviluppatore: SQUARE ENIX
  • Lingua: Italiano (testi)
  • Data di uscita: 7 aprile 2022
  • Disponibilità: digital delivery
  • DLC: nessuno
  • Note: all’interno del gioco è presente anche l’avventura testuale RADICAL DREAMERS -Le Trésor Interdit- mai rilasciata al di fuori del Giappone fino ad ora

Abbiamo recensito CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition con un codice PlayStation 4 fornitoci gratuitamente da SQUARE ENIX tramite Koch Media.

Trattandosi di una raccolta non possiamo iniziare a parlare della trama di CHRONO CROSS se prima non ci avventuriamo in ciò che è la sua primaria fonte d’ispirazione, ovvero RADICAL DREAMERS -Le Trésor Interdit-. L’avventura per Satellaview del 1996 getta infatti le basi non solo della storia principale del gioco, ma anche dei suoi principali protagonisti. Nata come storia periferica per l’acclamattissimo CHRONO TRIGGER, l’avventura testuale segue le vicende del musicante Serge, della ladra Kid e del tenebroso Magil alla ricerca di un modo per rubare la Fiamma di Ghiaccio dalle mani del perfido Lynx. Per la realizzazione del gioco principale la software house non solo ha deciso di rivedere i ruoli dei personaggi all’interno della storia, ma ha completamente tagliato la presenza di Magil in modo da focalizzarsi maggiormente sul rapporto tra Serge e Kid.

Serge, protagonista principale di CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition

La trama di CHRONO CROSS segue infatti le vicende di Serge, un ragazzo come tanti che si ritroverà misteriosamente in una dimensione parallela nella quale è morto quand’era bambino. In questo nuovo mondo farà la conoscenza di Kid, una ladra alla ricerca di un modo per vendicarsi del terrificante semi-umano Lynx, e deciderà di aiutarla nella sua missione dato che gli sgherri dell’antagonista gli stanno dando la caccia senza un apparente motivo. I due finiranno al centro di un’avventura che li porterà alla ricerca della Fiamma di Ghiaccio, un artefatto che messo nelle mani sbagliate possiede le capacità di modificare il destino dell’intero universo.

Dream a little dream

Dal punto di vista del gameplay CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition non ha subito alcun cambiamento rispetto alla sua versione originale. Il gioco sfrutta alcune meccaniche davvero uniche sia per quanto riguarda la crescita del party che per quanto riguarda i combattimenti. All’interno del gioco potremo reclutare un ricchissimo cast di personaggi differenti ma, a differenza di altri esponenti del genere essi, non saliranno di livello. Nonostante dopo un certo numero di battaglie i personaggi attivi in combattimento riceveranno un lieve bonus delle statistiche, le vere migliorie arriveranno con i Livelli Stella.

Si tratta di livelli che otterremo in determinati punti della storia principale e delle missioni secondarie, in particolar modo dopo aver affrontato un boss. Il Livello Stella influenza la crescita di ogni personaggio, infatti anche quelli non attivi in battaglia riceveranno un aumento delle statistiche e sbloccheranno un nuovo slot nella Griglia degli Elementi. All’interno di essa potremo posizionare le differenti abilità da utilizzare in battaglia, ognuna caratterizzata da un’affinità elementale e un livello specifico. Starà al giocatore decidere quali Elementi assegnare a ogni personaggio, tenendo in considerazione che anch’essi sono affini a un elemento e le tecniche dello stesso colore di quello del guerriero utilizzato faranno più danni.

Il sistema di combattimento di CHRONO CROSS è davvero unico. In battaglia avremo a disposizione un party di tre personaggi, ognuno dei quali partirà con 7 punti di Vigore. Si tratta di una statistica da tenere sempre in considerazione, in quanto ci permetterà di effettuare attacchi di base consecutivi spendendo punti in base alla potenza dell’attacco. Il Vigore si ricaricherà col tempo, e per ogni punto utilizzato andremo ad aumentare il livello della Griglia degli Elementi che determinerà quali tecniche potremo utilizzare in quel momento. Potremo sfruttare ogni Elemento una sola volta in battaglia, ragion per cui sarà fondamentale cercare di equipaggiare ogni personaggio con un set variegato di abilità in modo da non rimanere mai scoperti nei confronti dei nemici.

Distant Dreamers

Tra le unicità di CHRONO CROSS: The Radical Dreamer Edition troviamo l’implementazione di una serie di migliorie alla quality of life che renderanno la vita del giocatore più semplice. Non solo avremo modo di accelerare l’andamento del gioco, sia per quanto riguarda l’esplorazione che per le battaglie, ma potremo persino decidere di eliminare totalmente gli scontri. Ovviamente questa opzione non vale in caso di combattimenti fondamentali per proseguire con la storia come le boss battle. Un’altra funzionalità è quella del combattimento automatico che renderà i personaggi totalmente indipendenti dal nostro controllo, anche se sarà rischioso dato che utilizzeranno solo attacchi di base. Ultimo, ma non per importanza, la possibilità di attivare un bonus durante i combattimenti che non solo renderà i nostri personaggi praticamente invulnerabili agli attacchi avversari, ma che farà si che il livello della Griglia degli Elementi resti al massimo per tutta la durata dello scontro.

La misteriosa Harle, tra i protagonisti di CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition

Come anticipato all’interno di questa raccolta sarà presente anche RADICAL DREAMERS -Le Trésor Interdit-, il cui stile di gioco è molto più minimalista rispetto al titolo principale. Si tratta infatti di un’avventura testuale caratterizzata da veri e propri blocchi di testo adorniati da una serie di artwork in cui avremo l’opportunità di effettuare delle scelte per modificare il corso della storia. In determinati punti della trama infatti verremo messi di fronte a delle scelte multiple, ad esempio durante i combattimenti, e a seconda delle nostre decisioni l’esito della storia cambierà. Si tratta di un’avventura non lunghissima e dai finali multipli, che ci permetterà di capire meglio il concept iniziale che venne poi utilizzato per la realizzazione di CHRONO CROSS.

Dream on

Dal punto di vista tecnico CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition ha subito alcune importanti modifiche in modo da aumentare la resa del gioco sulle piattaforme di attuale generazione. Il comparto grafico del titolo è stato migliorato con una serie di texture in alta definizione per i personaggi, oltre che l’introduzione di una serie di possibilità per la risoluzione del gioco in modo da adattarsi agli schermi moderni. Nonostante si tratti di un titolo che ha oltre vent’anni la resa grafica risulta ancora abbastanza piacevole, anche se il peso dell’età si farà sentire tutto nei vari dungeon che esploreremo e che sono caratterizzati da un design spesso confusionario e minimalista.

Il Drago dell'Acqua, una delle sacre creature di CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition

A subire le maggiori migliorie è stato però il comparto audio, grazie ad una colonna sonora totalmente rimasterizzata. Il lavoro originale di Yasunori Mitsuda è stato reso ancora più spettacolare grazie alla nuova versione delle tracce, che danno una ventata di aria fresca al titolo senza pur togliere quel fascino nostalgico dell’originale. Parlando di nostalgia però la software house ha fatto un piccolo scivolone, non sarà infatti possibile abilitare la colonna sonora originale ma sarà presente esclusivamente la versione più moderna. Si tratta di una scelta che fa storcere un po’ il naso se pensiamo che invece questa possibilità è presente per le opzioni grafiche, nelle quali potremo decidere se mantenere la nuova versione o se giocare con l’originale.

Nonostante la presenza di RADICAL DREAMERS -Le Trésor Interdit- sia un’importante aggiunta in questa raccolta, si sente un po’ l’assenza di un titolo che avrebbe decisamente reso l’esperienza di gioco più completa: CHRONO TRIGGER. Gli eventi che si svolgono in CHRONO CROSS infatti vanno a pescare direttamente alcuni dei concetti principali del classico titolo del 1995, che risulteranno fin troppo vaghi da chi non ha avuto modo di giocarlo. Soprattutto nelle fasi finali del gioco ci troveremo di fronte a scelte narrative direttamente collegate con l’universo di CHRONO TRIGGER, che purtroppo non sono ampliate in un modo tale da essere rese funzionali a se stanti in CHRONO CROSS. Si tratta di riferimenti talmente specifici che rischiano di far perdere quel senso di stupore ed emozione di chi conosce bene la trama del primo titolo, che purtroppo al momento è disponibile solo su PC e dispositivi mobile.

A chi consigliamo CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition?

Tutti coloro che hanno avuto modo di apprezzare l’originale di certo non potranno farsi scappare l’occasione di acquistare CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition. Il fatto che sia la prima versione del gioco ad essere rilasciata a distanza di oltre vent’anni dal lancio originale farà gola anche a chi il titolo non l’ha mai giocato ma ha sempre voluto farlo. E se siete dei collezionisti e il fatto che venga rilasciato solo in digitale vi demoralizza, il prezzo di lancio davvero contenuto riuscirà sicuramente a farvi cambiare idea sull’acquisto.

Kid, una delle protagoniste di CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition

  • Buone migliorie al comparto grafico e sonoro
  • L’avventura grafica RADICAL DREAMERS per la prima volta in Europa
  • Prezzo di lancio davvero contenuto…

  • …Ma è disponibile solo in digitale
  • Chi non ha giocato a CHRONO TRIGGER avrà un po’ di problemi con la trama
  • Non è possibile scegliere l’audio originale
CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition
3.7

Un classico intramontabile ancora attuale

Tra le tante remastered uscite negli ultimi anni si sentiva un’importante assenza: quella di CHRONO CROSS. Sono passati ormai più di vent’anni dal suo rilascio originale ed è davvero strano che ci sia voluto così tanto tempo per rivederlo sulle nostre console dato la sua importanza come JRPG. L’unicità del sistema di gioco, unita a una trama davvero interessante infatti lo rende un validissimo esponente del genere, che finalmente potremo apprezzare nuovamente grazie a CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition. Ciliegina sulla torta il debutto occidentale dell’avventura grafica RADICAL DREAMERS -Le Trésor Interdit-, anch’essa rimasta sepolta tra le pagine del tempo davvero troppo a lungo. E se un po’ fa storcere il naso che SQUARE ENIX non ne abbia approfittato per rilasciare una raccolta più completa che comprendesse all’interno anche CHRONO TRIGGER, dati i forti collegamenti narrativi tra i due giochi, poter vivere nuovamente l’avventura di Serge, Kid e dei loro tantissimi comprimari è stata un’emozione non da poco. CHRONO CROSS: The Radical Dreamers Edition non è perfetto, ma dimostra come a volte alcuni titoli classici riescano ad essere fortemente d’impatto ancora oggi nonostante siano trascorsi decine di anni. E chissà, forse la software house deciderà un giorno di riprendere in mano il progetto di un terzo capitolo della saga che non è stato mai portato a termine. La speranza è pur sempre l’ultima a morire.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.