Bubble: una clip esclusiva per il nuovo film di Wit Studio

Bubble anime film Netflix

Il canale YouTube ufficiale Netflix Anime ci propone una clip esclusiva di Bubble, il nuovo film animato prodotto dallo studio di animazione Wit Studio. Il filmato si concentra principalmente su Uta, misteriosa ragazza introdotta dalla pellicola, e propone anche un piccolo assaggio della ending theme Jaa ne, Mata ne di Riria.

Tetsuro Araki (Attack on Titan, Kabaneri of the Iron Fortress) dirigerà la pellicola, con una sceneggiatura scritta da Gen Urobuchi (Puella Magi Madoka Magica, Fate/Zero novel, Psycho-Pass), il character designs di Takeshi Obata (Death Note, Platinum End), e le musiche di Hiroyuki Sawano (Attack on Titan, 86).

Il film debutterà sulla piattaforma streaming Netflix dal 28 aprile in contemporanea mondiale, e arriverà nei cinema giapponesi il 13 maggio. Ecco una piccola anteprima alla storia di Bubble:

La storia è ambientata a Tokyo. Alcune bolle hanno infranto le leggi di gravità sono piovute sul mondo.

Tagliata fuori da tutto, Tokyo è diventata un terreno di gioco per un gruppo di giovani che hanno perso la famiglia, fungendo da campo di battaglia per sfide di parkour a squadre mentre saltano da un edificio all’altro.

Hibiki, un giovane asso noto per il suo stile pericoloso, un giorno fa una mossa sconsiderata e precipita nel mare che piega la gravità. La sua vita viene salvata da Uta, una ragazza con poteri misteriosi. La coppia sente un suono unico udibile solo da loro.

Perché Uta è apparsa nella vita di Hibiki? Il loro incontro porterà a una rivelazione che cambierà il mondo.

Fonte: Netflix via Anime News Network

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.