YO-KAI WATCH 3 – Recensione

Jibanyan, Whisper, Usapyon e tanti divertentissimi Yo-kai attendono di incontrare Nathan e Luna per vivere una nuova avventura in YO-KAI WATCH 3 per Nintendo 3DS

YO-KAI WATCH 3 - Recensione

YO-KAI WATCH 3 - RecensioneQuell’esplosione… che si tratti di un atterraggio d’emergenza? Sono davvero curioso. Potresti accelerare? Di questo passo arriveremo tra una settimana… In quel caso avremo tutto il tempo per prepararci! Se la mia analisi è corretta, ci saranno ripercussioni a lungo termine. Non solo per questa cittadina, ma per l’intero mondo! Speculazioni azzardate a parte, trovo tutto molto strano. E se fosse soltanto un festival di fuochi d’artificio? Sei priva d’immaginazione come al solito, Sally. Bisogna esaminare ogni ipotesi, lo sai bene. È il tuo cervello che andrebbe esaminato, Blater. Ascolta, Sally… Sai, il nostro lavoro ci espone a ogni sorta di pericolo, però alla fin fine… Noi faremmo qualunque cosa, pur di risolvere gli Y-Files! — Blater e Sally

A due anni di distanza dal lancio nipponico è finalmente arrivato anche in Europa YO-KAI WATCH 3, ultimo capitolo della saga dei simpatici spiritelli per Nintendo 3DS prima del passaggio generazionale che avverrà col quarto capitolo. Mentre in Giappone è disponibile in tre versioni differenti (Sushi, Tempura e Sukiyaki), per noi giocatori occidentali Nintendo e LEVEL-5 hanno pensato a un lancio un po’ differente rispetto ai precedenti episodi della saga, rilasciando solamente un’unica versione che al suo interno racchiude tutti i contenuti delle tre nipponiche. Sarà un degno addio alla console che ha permesso a questa simpaticissima saga di esordire in tutto il mondo?

  • Titolo: YO-KAI WATCH 3
  • Piattaforma: Nintendo 3DS
  • Versione analizzata: Nintendo 3DS (PAL / EU)
  • Genere: JRPG
  • Giocatori: 1-2 (online) 
  • Software house: LEVEL-5
  • Sviluppatore: Nintendo
  • Lingua: Italiano (testi e doppiaggio)
  • Data di uscita: 7 dicembre 2018
  • Disponibilità: retail, digital delivery
  • DLC: nessuno
  • Note: tutti coloro che possiedono un salvataggio di YO-KAI WATCH 2 riceveranno una ricompensa speciale, che sarà diversa in base alla versione del titolo possediamo

È un giorno un po’ triste per la città di Valdoro. La famiglia Adams deve infatti trasferirsi in America e ciò vuol dire che il giovane Nathan dovrà salutare tutti i suoi amici storici e prepararsi per una nuova avventura in un continente per lui sconosciuto. In questo viaggio sarà accompagnato dai suoi più preziosi alleati, gli Yo-kai Whisper e Jibanyan e dal suo fedele Yo-kai Watch. Purtroppo però il suo modello dell’orologio risulta inefficace negli Stati Uniti, per questo Whisper deciderà di barattare tutte le Medaglie Yokai ottenute dal ragazzo con il nuovissimo modello U1 che lo renderà in grado di vedere i particolarissimi ’Merican Yokai.

Nello stesso momento a Valdoro una giovane ragazza sta per fare un incontro che le cambierà per sempre la vita. La spensierata Luna Celesti è alla ricerca di una nuova action figure della sua adorata serie televisiva Sailor Belle, ma la sfortuna di non essere riuscita a trovare la tanto ambita statuina si tramuterà in una ventata di novità per la ragazza che riuscirà invece ad acquistare uno Yo-Kai Watch consigliata da una voce misteriosa. Questa voce appartiene ad Usapyon, un dispettosissimo Yo-kai vestito da astronauta che coinvolge la ragazza nella ricerca del suo precedente proprietario, un esperto dell’aerospazio. Visto che la sua prima ricerca è andata a buon fine Luna deciderà dunque di aprire un’agenzia investigativa dedicata a risolvere i problemi collegati agli Yo-kai.

Mentre Nate sarà costantemente tampinato dagli agenti Sally e Blater della Y-Files, una misteriosa agenzia governativa che si occupa di indagare sui misteri dell’occulto, Luna sarà alle prese con le sue indagini di detective e dovrà risolvere tutti gli strampalati casi che le verranno affidati. Nonostante si trovino in continente differenti le loro strade si incroceranno spesso, riuscendo a collaborare grazie anche al nuovo social network per Yo-kai: KaiNet. Tra spiriti, zombie e persino alieni si prospetta un nuovo anno ricco di straordinari misteri da scoprire per i due giovani protagonisti.

Due facce della stessa medaglia

Dal punto di vista del gameplay YO-KAI WATCH 3 racchiude in sé tutti gli elementi che abbiamo avuto modo di vedere nei precedenti capitoli della saga, migliorandoli e introducendo delle interessanti novità. Una delle innovazioni fondamentali è la presenza di due protagonisti distinti, che seguiranno percorsi differenti nelle loro avventure. Per la maggior parte della storia Nate e Luna non avranno una vera e propria interazione tra loro, ma potremo passare liberamente dall’uno all’altro grazie ai punti di salvataggio. Solamente nelle fasi avanzate del gioco avremo modo di condividere oggetti tra i due personaggi grazie a un inventario comune. Sarà fondamentale tenere a mente questa informazione soprattutto nel momento in cui decideremo di riscattare dei bonus tramite internet. Farlo nelle prime fasi di gioco significa che chiunque dei due li riscatterà,dovrà mantenerli nel proprio inventario per una lunga porzione del titolo, anche nel caso in cui possono essere utilizzati solo dall’altro protagonista.

Anche il sistema di combattimento va ad introdurre una novità fondamentale per la saga, la griglia di battaglia. Ora potremo infatti posizionare i nostri Yo-kai in una griglia 3×3, e durante i combattimenti saremo liberi di spostarli a nostro piacimento su di essa. Questo permetterà di avere un approccio molto più tattico alle battaglie: mentre i nostri Yo-kai continueranno ad agire autonomamente come nei precedenti capitoli, la libertà di poter decidere la loro posizione spostandoli ci permetterà di riuscire a schivare facilmente gli attacchi dei nemici. Ovviamente tutto ha un prezzo ed ogni spiritello ha un tempo di cooldown che dovremo aspettare tra uno spostamento e l’altro, dovremo quindi utilizzare le nostre doti strategiche per spostarli giusto in tempo per non essere colpiti.

Un’altra differenza fondamentale tra l’esperienza di gioco con Nate e quella con Luna sta nell’utilizzo della Slot-kai che, nonostante le funzioni identiche, utilizzeranno un meccanismo diverso per la scelta delle ricompense. Il numero di gettoni utilizzabili quotidianamente sarà condiviso tra i due personaggi, dovremo quindi scegliere molto attentamente con quale dei due tentare la sorte. Fortunatamente però a Valdoro avremo l’opportunità di utilizzare il Tiro al Bersaglio: lanciando una freccetta su un tabellone mobile avremo modo di aumentare il numero di gettoni utilizzabili in quella giornata. Tentando la sorte potremo però incappare in un temibile 0, annullando quindi le nostre chance per l’intero giorno.

L’alba dei morti viventi

Come da tradizione anche in YO-KAI WATCH 3 non mancheranno le tantissime attività con le quali divertirci: dalla cattura di pesci e insetti in giro per Arachidia e Valdoro, fino alle corse competitive per ottenere nuove verniciature per la nostra bicicletta. Farà il suo ritorno anche l’apprezzatissima modalità online che ci permetterà sia di scambiare le nostre medaglie, ampliando ulteriormente il nostro Medagliere Yo-kai, che di effettuare combattimenti con giocatori da tutto il mondo. Durante le sfide online il livello dei nostri spiritelli sarà fissato a 60 e dovremo seguire delle regole ben precise per la creazione della nostra squadra, in modo che tutti i giocatori possano sfidarsi con un team equilibrato.

Non mancherà il Terrore Onirico, che vedrà la povera Luna alle prese con terrificanti Oni pronti a divorarla se non riesce a fuggire in tempo, e la rinnovata modalità YO-KAI Blasters T grazie alla quale potremo andare a caccia di tesori impersonando i nostri spiritelli preferiti. Ma non c’è due senza tre e LEVEL-5 ha ben pensato di introdurre in questo terzo capitolo la “Notte degli Zombi”, in cui Nathan dovrà sconfiggere un esercito di temibili morti viventi e scoprire i misteri che circondano la loro presenza negli Stati Uniti.

Tra le tante novità quella senza dubbio più interessante è la possibilità di creare uno Yo-kai personalizzato grazie all’applicazione MioNyan. Non solo potremo personalizzare il suo aspetto in ogni suo elemento, dalle forma delle orecchie alla dimensione della coda, dal colore del manto fino agli accessori da lui indossati; ma avremo modo di scegliere la Tribù di appartenenza determinando così le sue caratteristiche in battaglia. Ma non è tutto, potremo infatti tramandargli le abilità degli altri Yo-kai gatto mandandolo in allenamento, in modo da poterlo rendere unico e adatto al nostro stile di gioco.

Born in the U.S.A.

Dal punto di vista tecnico YO-KAI WATCH 3 riesce a sfruttare appieno le caratteristiche hardware di Nintendo 3DS, risultando il miglior capitolo della saga visto finora. Graficamente il titolo risulta coloratissimo e pulito, sia nelle animazioni di battaglia che durante l’esplorazione. con una caratterizzazione delle diverse città esplorabili davvero ben definita e interessante. Torna però una delle stonature già vista nei precedenti capitoli della saga, ovvero la presenza di tanti Yo-kai graficamente davvero troppo simili tra loro che fa pensare ad un lavoro pigro da parte della software house.

Il comparto audio è sempre stato un punto di eccellenza per la saga di YO-KAI WATCH, grazie ad un doppiaggio italiano che riesce a strapparci una risata e allo stesso tempo digrignare i denti per quanto può risultare imbarazzante. In alcune scene di questo terzo capitolo però potremo notare che le voci di Jibanyan e Whisper sembrano pronunciare parole che stonano con ciò che sta succedendo, facendoci così pensare che alcune frasi scelte per le fasi esplorative siano state riciclate dai precedenti capitoli.

Nonostante la presenza di tantissimi contenuti con i quali divertirci, la trama principale di YO-KAI WATCH 3 è abbastanza lineare pur essendo narrata tramite due storie differenti ma parallele. Le avventure di Nathan e Luna si intrecceranno più di una volta e solamente dopo che le avremo finite entrambe potremo scoprire il vero epilogo del gioco. Non mancherà ovviamente l’umorismo ricorrente della saga che stavolta prende un po’ in giro gli stereotipi legati agli Stati Uniti d’America grazie alla presenza dei ’Merican Yo-kai o la presenza di parodie iconiche come Mulder e Scully, protagonisti serie di culto X-Files, che troveremo in una veste ironica e buffa. E chi non vorrebbe in casa un Bacontrito capace di rendere la pancetta sempre croccante al punto giusto?

A chi consigliamo YO-KAI WATCH 3?

Tutti i fan della saga avranno da che divertirsi con YO-KAI WATCH 3. La scelta di LEVEL-5 di voler concentrare in un unico titolo tutti i contenuti che in Giappone sono stati rilasciati su tre capitoli diversi è vincente e permetterà a chiunque di poter avere tra le mani la versione più completa del titolo mai realizzata capace di tenerci incollati allo schermo del nostro Nintendo 3DS per decine e decine di ore.

  • Tantissimi contenuti con cui divertirci
  • Due storie parallele ma complementari
  • La possibilità di creare il proprio Yo-Kai con MioNyan…

  • …Ma avevamo davvero bisogno dell’ennesimo clone di Jibanyan?
  • Davvero lineare
  • Alcune linee di dialogo sembrano fuori contesto
YO-KAI WATCH 3
4.3

La strada verso la maturità

Da grande fan della saga non potevo lasciarmi sfuggire l’occasione di mettere le mani su YO-KAI WATCH 3, specie per il fatto che si tratta di un saluto definitivo alla piattaforma che ha visto nascere l’intera saga. Devo ammettere che le novità apportate da LEVEL-5 sono state convincenti e valide, specialmente l’introduzione della griglia di battaglia che rende i combattimenti meno randomici e più strategici. Ho apprezzato parecchio l’intreccio narrativo che ha come protagonisti Nathan e Luna, così come la citazione ad una delle mie serie TV preferite con la presenza di Blater e Sally, una parodia davvero ben riuscita dei due detective del paranormale interpretati da David Duchovny e Gillian Anderson. Grazie anche a questa citazione, pensata senza ombra di dubbio ad un pubblico più adulto, possiamo notare come la software house si stia approcciando al cambio di target che vedremo nel prossimo capitolo. A giudicare da ciò che abbiamo potuto vedere fin’ora infatti, in YO-KAI WATCH 4 ci troveremo di fronte a un universo narrativo più cupo e maturo che mi rende estremamente ansioso di scoprire come si evolverà l’intero franchise in futuro.

Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

1 commento

  1. Avatar

    La nota più dolente di questo Yo-kai Watch sono proprio i dialoghi fuori contesto o tradotti male. Basti pensare anche solo quando Luna aiuta Servix al Caffè Ore Liete, oppure con Fante Koma, che ripete due volte la stessa linea di dialogo o peggio ancora, a volte mancano lettere e il plurale va a farsi friggere. Un vero peccato. Per il resto rimane il mio capitolo preferito. Regala ore di gameplay e le missioni sono davvero tante, con un post game ben fornito.

    Rispondi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Siamo in diretta sul nostro canale Twitch! canale Twitch!
Iscriviti al nostro canale Twitch!