Hideki Kamiya blocca anche PlatinumGames su Twitter

Hideki Kamiya blocca anche PlatinumGames su Twitter

Il celebre Hideki Kamiya continua imperterrito con la sua campagna di insensibilizzazione su Twitter, bloccando tutti quelli che gli scrivono tweet in inglese, che gli fanno domande stupide o gli chiedono di giochi con cui non ha nulla a che vedere.

Ma cosa succede quando a dargli noia è la sua stessa azienda, PlatinumGames? Beh, anche l’account Twitter di PlatinumGames è stato apparentemente bloccato dal game designer più irascibile del web. Il motivo? Semplicemente, PlatinumGames ha pubblicato su Twitter un video girato di nascosto al PAX East 2020 che mostra Kamiya addormentato al ristorante come lo zio ubriaco al pranzo di Natale.

“Grazie a tutti voi per averci visitato al nostro stand, alla conferenza e alla sessione di autografi. Il leggendario director si è addormentato al ristorante. #PAXEast”

La risposta di Kamiya è arrivata un’ora dopo: BLOCKED.

Kamiya si addormenta al ristorante

Che si tratti di uno scherzo o di una piccola vendetta, non ci è dato saperlo. Siamo solo felici per il fatto che Kamiya riesca sempre a strapparci qualche risata per via di questo suo amabile caratteraccio.

Fonte: Hideki Kamiya

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*