FINAL FANTASY XV: cos’è rimasto di VERSUS XIII?

FINAL FANTASY XV / Monster of the Deep

Qualche giorno fa in Giappone sono state rilasciate le guide ufficiali FINAL FANTASY XV Ultimania, grazie alle quali possiamo scoprire qualche nuovo dettaglio sul gioco.

Visti gli argomenti trattati vi avvisiamo che in questo articolo potete trovare degli spoiler sulla storia del gioco e sui suoi personaggi, quindi leggete con cautela. In una delle due guide il direttore Hajime Tabata fa luce su un argomento che ha sicuramente incuriosito tutti i giocatori: cosa è rimasto di FINAL FANTASY VERSUS XIII dopo il cambio di rotta preso?

VERSUS XIII, così come FINAL FANTASY XIII avevano una storia basata sulla Dea della serie Fabula Nova Crystallis. Tuttavia, grazie anche all’arrivo di una nuova generazione di console, lo sviluppo ha preso una nuova direzione ed abbiamo deciso di renderlo il nuovo capitolo numerato della serie. Questo però ci ha obbligato a riesaminare tutti i contenuti che avevamo pensato per il gioco, in modo da renderlo un episodio unico. Il risultato, dopo aver steso la nuova sceneggiatura, è stato quello di modificare l’eroina principale introducendo così il personaggio di Lunafreya.

Il plot originale di VERSUS XIII è stato mantenuto e potete trovarlo in FINAL FANTASY XV. Anche la mitologia che potevamo trovare nella serie Fabula Nova Crystallis, come ad esempio i prescelti del cristallo disposti a sacrificare le loro vite pur di compiere la loro missione, sono stati integrati in maniera essenziale nel gioco. In sostanza le fondamenta del quindicesimo capitolo hanno mantenuto molti degli elementi creati per il gioco precedente.

Sempre grazie alle due guide veniamo a conoscenza di alcuni dettagli sui personaggi che ci aiuteranno durante la nostra avventura. Possiamo sapere così che Iris ha 15 anni, Aranea ne ha 30, Cindy ne ha 26 mentre Cor ne ha 45. Tra l’altro Iris, Aranea e Cor saranno utilizzabili grazie al DLC che implementa la modalità multigiocatore nel gioco, gli sviluppatori vorrebbero includere tra i personaggi giocabili anche Lunafreya, ma non è stata ancora confermata ufficialmente.

Per quanto riguarda i cattivi invece veniamo a conoscenza di un odio viscerale che Loqi Tummelt, generale dell’esercito di Niflheim che affronteremo, nutre proprio nei confronti di Cor Leonis. Nelle guide si parla anche di Verstael Besithia, che viene descritto come:

Uno scienziato pazzo che mirava a creare degli esseri superiori con le sue mani, è a capo del laboratorio di ricerca dell’impero. È stato lui ad avviare la produzione in massa di soldati Magitek grazie alle informazioni fornitegli da Ardyn. Non esita di fronte a nulla, per lui anche le sei divinità sono semplici cavie da studiare nel suo laboratorio.

L’informazione più importante che possiamo conoscere in merito allo scienziato è però un’altra, infatti lui è il vero padre di Prompto. Il cognome Argentum del ragazzo viene infatti dalla sua famiglia adottiva di Lucis, che lo ha preso con se quando aveva solo un anno. La guida parla anche di uno dei cattivi che non sono stati implementati nel gioco finale, si tratta del generale dell’impero Safay Roth. L’unica sua traccia rimasta è la sigla SAF nelle aeronavi imperiali, la guida descrive:

La scritta SAF che possiamo trovare sui mezzi dell’impero serve per rappresentare il generale Safay Roth, che sarebbe dovuto apparire in FINAL FANTASY XV. Durante lo sviluppo però è stato tagliato, mettendo al suo posto Ardyn. La sigla è rimasta per onorare un “famoso generale che è esistito in passato”.

Un altro dettaglio svelato dalle guide è la descrizione del diario condiviso tra Lunafreya e Noctis, che cambia a seconda delle nostre scelte durante il gioco.

A seconda delle risposte che metteremo nel diario di Lunafreya, la descrizione nell’oggetto alla fine del gioco cambierà. Se le nostre risposte saranno perlopiù negative leggeremo “there’s a trace of dust (è impolverato)”, se invece le nostre riposte saranno neutre la descrizione sarà “well worn (è consumato)”, se invece risponderemo sempre in modo positivo la descrizione dirà “there are tears on the pages (ci sono lacrime sulle pagine”.

L’ultima informazione fornita dalle guide, ma non per importanza, è quella sulla scelta di un finale vagamente confuso e vago per FINAL FANTASY XV. Il team di sviluppo ha infatti dichiarato che il finale è stato scelto per dare ad ogni giocatore la possibilità di interpretarlo, in modo che siano i giocatori stessi a decidere cosa sia accaduto realmente.

Fonte: SQUARE ENIX via DualShockers

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.