Dragon Ball Fusions classificato per il Brasile

Dragon Ball Fusions

Il Brazil Advisory Rating Board ha diffuso in rete la classificazione per Dragon Ball Fusions, il JRPG di BANDAI NAMCO Entertainment sviluppato da Ganbarion per Nintendo 3DS, disponibile in Giappone dallo scorso 4 agosto.

La compagnia non ha ancora annunciato l’esportazione del titolo al di fuori del continente asiatico, ma ciò lascia ben sperare che le cose siano destinate a cambiare presto. Vi piacerebbe vedere Dragon Ball Fusions nel nostro paese? Di seguito, un estratto della recensione di Kurama, effettuata sulla versione giapponese del titolo.

Dragon Ball Fusions

Dopo aver recuperato l’ultima sfera del drago, i due guerrieri novizi Tekka e Pinch si apprestano a evocare il potente drago Shenron per esprimere il loro più grande desiderio: creare il più strabiliante Budokai che il mondo abbia mai ospitato. Dopo aver espresso il desiderio però, un portale si aprirà improvvisamente alle loro spalle, risucchiandoli al suo interno. Una volta rivenuti, i due si troveranno in un mondo sconosciuto, un punto di partenza, che pare sia collegato ad altri universi tutti da scoprire. Grazie all’aiuto di Bulma, Tekka e Pinch inizieranno così la loro nuova avventura, dove non solo riusciranno a trovare tanti alleati dai volti noti e stringere nuove amicizie, ma si imbatteranno anche in ostici avversari altrettanto famosi. Tuttavia, la strada per il grande torneo è ancora lunga.

(continua a leggere la recensione)

Fonte: Brazil Advisory Rating Board via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.