DRAGON QUEST XI: novità dallo special televisivo di NHK

DRAGON QUEST XI

In Giappone, NHK General TV ha mandato in onda una speciale trasmissione atta a celebrare il trentesimo anniversario di DRAGON QUEST, concentrandosi su più aspetti della celebre serie RPG e mostrando anche l’attesissimo undicesimo capitolo della serie attualmente in sviluppo.

Sebbene non ci siano state particolari novità eclatanti, sono state spiegate e mostrate alcune delle feature offerte dal titolo.

Per iniziare, viene riportato che i giocatori saranno in grado di accamparsi in alcuni punti ben specifici della mappa di gioco. Arrivati in determinate zone, un’apposita voce verrà resa disponibile all’interno del menù, e selezionandola verremo messi davanti ad alcune scelte: il riposo, utile per recuperare HP e MP, la forgiatura misteriosa, pregare alla statua della Dea, e pattugliare l’area in cui ci troviamo.

La forgiatura misteriosa ci metterà a disposizione una lista di oggetti da poter creare, dove ciascuno di questi richiederà particolari oggetti specifici, e verrà offerta una breve descrizione e un livello di difficoltà per la sua realizzazione.

All’interno del gioco, inoltre, sarà possibile cavalcare un drago per spostarsi e raggiungere punti che altrimenti non sarebbe possibile esplorare.

Prima di lasciarvi al breve stralcio di video che mostra in azione i dettagli di DRAGON QUESTO XI: In Search of Departed Time appena riportati, vi ricordiamo che il titolo è atteso in Giappone su PlayStation 4, Nintendo 3DS e Switch nel corso del 2017.

DRAGON QUEST XI – NHK Gameplay

https://youtu.be/Z9aVIlHlDFc

Fonte: NHK via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.