POKKÉN TOURNAMENT: annunciati multiplayer locale e palette swap

POKKÉN TOURNAMENT

POKKÉN TOURNAMENT, l’ormai noto picchiaduro arcade di prossimo arrivo anche su Wii U, potrà contare nella sua versione casalinga su una modalità multiplayer locale. Per dare ai giocatori più “intimità” durante i combattimenti, il primo giocatore potrà seguire il proprio Pokémon sullo schermo del GamePad, mentre il secondo potrà gustarsi lo scontro tranquillamente sullo schermo del televisore.

Per quanto riguarda la versione arcade del gioco invece, cosa che poi sicuramente verrà riportata anche nella controparte per home console, viene comunicato che POKKÉN TOURNAMENT si arricchirà presto di una nuova caratteristica che, almeno per quanto riguarda i picchiaduro in generale, è quasi una consuetudine quando si gioca con due personaggi identici: le palette swap. La prima colorazione alternativa a esser mostrata è quella di Lucario, che per l’occasione, visto il Natale appena trascorso, si tinge di un bel rosso. Per battere il ferro finché è caldo, Banpresto coglie l’occasione per annunciare la futura realizzazione di speciali figure tratte proprio dal titolo in questione, dove comparirà anche la speciale palette swap di Lucario. Questa, però, viene riportata come limitata, e per questo motivo sarà fruibile solo attraverso una speciale lotteria che prenderà luogo sul sito ufficiale giapponese.

Di seguito potete trovare l’immagine di anteprima riguardante la colorazione alternativa di Lucario.

pokken-tournament-palette-swap-lucario

Fonte: Nintendo via My Nintendo News, Gamnesia

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.