Mobile Suit Gundam: Battle Operation 2 – Svelati i Mobile Suit della Beta

Gundam: Battle Operation 2

Nonostante il meteo possa trarre ancora in inganno, la primavera è ormai arrivata, e la beta del team battle action game free-to-play Mobile Suit Gundam: Battle Operation 2 inizia a prepararsi per il suo debutto ufficiale su PS4.

All’interno di questa versione del gioco, pensata principalmente per mettere sotto torchio i server in vista del suo debutto ufficiale, sarà possibile trovare le seguenti unità: Dom, GM Striker, Guncannon, Gundam Ground Type, Rick Dom, Zaku I Sniper Type, Zaku High Mobility Type e lo Zudah. È bene tenere però a mente che Dom, GM Striker e il Gundam Ground Type non saranno in grado di partecipare a battaglie nello spazio aperto, mentre al contrario, il Rick Dom non sarà in grado di prendere parte a quelle su terreno.

Non sarà richiesta energia per sviluppare i Mobile Suit, lasciando quindi agli utenti la possibilità di giocare quanto e come vogliono senza alcuna preoccupazione. I vari armamenti e parti speciali potranno essere acquistate mediante uso dei DP ottenuti in battaglia, e più il livello del giocatore aumenterà, più aumenteranno anche le cose che potranno essere comprate.

La rivista rivela anche la presenza all’interno del gioco di un personaggio di supporto femminile, di cui purtroppo sappiamo poco e niente se non il suo nome: Tenda Bigin.

Purtroppo non si hanno ancora le date precise né dell’inizio di questa versione beta, né dell’uscita del titolo completo su PlayStation 4, che è ancora riportato per un fin troppo generico 2018.

Fonte: Famitsu via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.