ayumi hamasaki: ritiro ufficiale o mossa commerciale?

ayumi hamasaki: ritiro ufficiale o mossa commerciale?

L’industria musicale nipponica pare stia attraversando un periodo in cui a far da padrone è una strana moda: quella del ritiro. A dare il via alle danze è stata NAMIE AMURO che, ormai quarantenne, ha rivelato di non riuscire più a sostenere la pressione dovuta ai concerti, lasciando quindi la scena dopo il suo ultimo concerto del 16 settembre. Questo annuncio però pare abbia creato una sorta di “momento” che ha dato molto da pensare ad alcuni artisti. Tra questi c’è ayumi hamasaki, anche lei prossima ai 40, che sembra voglia annunciare il proprio ritiro il 2 ottobre, ovvero il giorno del suo compleanno.

Per quanto però ci si possa aspettare un fondo di verità, anche tenendo in considerazione il grande problema della cantante, diventata ormai completamente sorda dall’orecchio sinistro, la notizia stavolta sembra un po’ controversa: l’etichetta discografica di cui fa parte ha infatti accusato la stampa di riportare falsità, affermando che l’artista non si sta veramente ritirando, ma che si tratta di una semplice mossa commerciale che, a quanto pare, ha ben fruttato anche alla stessa NAMIE AMURO subito dopo il suo annuncio. Spesso, infatti, può capitare che qualcuno si ritiri momentaneamente per tornare in seguito, dopo una pausa, senza che nessuno critichi minimamente la cosa.

È quindi veramente arrivato il momento anche per ayumi hamasaki di gettare la spugna, o l’artista sta solamente cercando far parlare di sé per tornare sotto i riflettori per importanza?

Fonte: ARAMA! JAPAN

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*