Hideo Azuma, autore di Pollon e Nanà Supergirl, si è spento all’età di 69 anni

Hideo Azuma, autore di Pollon e Nanà Supergirl, si è spento all’età di 69 anni

Brutte notizie giungono oggi dal panorama fumettistico giapponese, il genere di notizie che nessuno vorrebbe mai ricevere. Il celebre mangaka Hideo Azuma, autore di opere del calibro di Olympus no Pollon (C’era una volta… Pollon) e Nanako SOS (Nanà Supergirl) tra le tante, si è spento lo scorso 13 ottobre all’età di 69 anni. Stando alle poche informazioni ricevute, era ricoverato in ospedale per un cancro all’esofago.

La triste notizia ci giunge solo oggi attraverso un tweet, il quale rivela che il funerale si è già tenuto in forma privata con famiglia e parenti stretti. Una cerimonia di comiato pubblico, invece, è prevista per i prossimi mesi.


Nonostante sia l’autore di alcune celebri e storiche opere capaci di divertire e strappare più di un sorriso, la vita dello stesso Azuma è stata tutto tranne che tranquilla: nel lontano 1989, per via dello stress dalla vita di mangaka, scappa da studio e famiglia decidendo di vivere come senzatetto, nel 1992 sceglie di lavorare come operaio in un cantiere, e nel 1998 venne ricoverato in un centro di recupero per alcolisti.

Proprio qualche giorno prima della sua scomparsa, Hideo Azuma ha vinto un premio Gran Guinigi (definiti gli Oscar italiani del fumetto) per il suo Il diario della mia scomparsa, opera pubblicata nel nostro paese da J-POP che racconta della sua vita, dal grande successo alla voglia di lasciare tutto.

Fonte: Pagina Twitter Ufficiale via Go Nagai World

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*