Attack on Titan su Xbox One e PC? Solo se i fan lo richiederanno a gran voce!

Attack on Titan su Xbox One e PC? Solo se i fan lo richiederanno a gran voce!

Nonostante il nuovo titolo tratto dalla serie Attack on Titan sia un’esclusiva Sony, KOEI TECMO Games non chiude le porte a un suo possibile arrivo anche su altre piattaforme… almeno per quanto riguarda l’occidente. Il tutto, infatti, potrebbe accadere in maniera analoga a quanto accaduto ad Arslan: The Warriors of Legend, che verrà rilasciato in Giappone solo su PlayStation 4 e PlayStation 3, ma che nella strada verso l’occidente si arricchirà anche di una versione Xbox One.

A tal proposito, quando interrogato sulla questione, il producer Hisashi Koinuma risponde che momentaneamente il team di sviluppo si sta concentrando nella realizzazione di Attack on Titan per PS4, PS3 e PS Vita, ma aggiunge che se il pubblico occidentale desidera vedere il titolo anche su altre piattaforme, quali Xbox One e PC, questi potrebbero prendere in considerazione l’idea, ma le richieste dei fan dovranno essere considerevoli.

Oltre a questo, Koinuma rivela che sebbene le versioni PS3 e PS Vita del gioco gireranno a 30fps, c’è ancora grande indecisione sul fronte PS4. Nonostante ciascuna delle versioni sia visivamente diversa l’una dall’altra, a seconda della potenza della console su cui lo si gioca, la versione PS4 potrebbe sì girare a 60fps, ma potrebbe anche girare a 30 mantenendo lo standard delle altre versioni. Questo, sfortunatamente, solo il tempo potrà dircelo… vale a dire quando la compagnia avrà preso una decisione definitiva in merito.

Fonte: KOEI TECMO Games via DualShockers

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.