Il Gioco del Mese – Atelier Ryza 2: Lost Legends & The Secret Fairy

Solo un paio di settimane ci separano dall’uscita di Atelier Ryza 2: Lost Legends and The Secret Fairy: ecco perché è il nostro Gioco del Mese di gennaio

Il Gioco del Mese - Atelier Ryza 2: Lost Legends & The Secret Fairy

Ah, Reisalin Stout. Ci siamo conosciuti poco più di un anno fa, per la precisione il 26 settembre 2019, giorno in cui è uscito su PlayStation 4, Nintendo Switch e PC tramite Steam, Atelier Ryza: Ever Darkness & The Secret Hideout. Qui in redazione lo abbiamo unanimemente riconosciuto come il miglior titolo della serie Atelier uscito finora, grazie a una protagonista adorabile e una qualità visiva e una profondità dei sistemi di gioco finora non raggiunte da nessuno dei lavori precedenti di GUST. A fine mese arriverà dunque il seguito di questa saga storica che va avanti del 1997, di nuovo con la nostra Ryza come protagonista e un time skip di tre anni che ce la mostra un po’ più cresciutella: Atelier Ryza 2: Lost Legends & The Secret Fairy è il Gioco del Mese di gennaio 2021 secondo Akiba Gamers.

Cosa ci aspettiamo da questo nuovo JRPG? È sempre difficile riuscire a rinnovarsi con un sequel uscito a così poca distanza dall’originale, specialmente quando il cast di personaggi, almeno a giudicare dai numerosi trailer usciti in questi mesi, sembra essere sostanzialmente lo stesso. Eppure, ho fiducia nel fatto che il cambio di location aiuterà a variare le carte in tavola: non più l’isola di Kurken, placido e rurale luogo di nascita della nostra protagonista e dei suoi amici, ma un vero e proprio nuovo regno con il suo fulcro nella capitale in cui Ryza, ormai un’alchimista in carriera, decide di trasferirsi soddisfando così il desiderio d’avventura del primo gioco.

Atelier Ryza 2

Lo sappiamo tutti, agli Atelier ci si gioca per rilassarsi, per farmare materiali e mostri in tranquillità in un’ambientazione non eccessivamente minacciosa, sperimentando e provando nuove combinazioni per generare sempre nuovi componenti alchemici. Sebbene il precedessore avesse fatto un buon lavoro in questo riguardo, si può di certo migliorare il ritmo specialmente per quanto riguarda le quest secondarie, a volte un po’ ripetitive e con davvero poca rilevanza ai fini della trama. Il combat system, modificato ibridando quello classico a turni dei JRPG con una barra delle azioni in tempo reale, è stata una gradita sorpresa, che dovrebbe ritornare anche in questo sequel con qualche ritocco.

Un aspetto su cui spero si sia lavorato è il cast di personaggi secondari, che in Ever Darkness & The Secret Hideout non brillava per originalità, andando a realizzare dei comprimari un po’ troppo stereotipati, degli archetipi (ad esempio Tao, gracile e timido ragazzino con la passione per le storie e le lingue antiche, o Lent, il “picchiatore” del gruppo che non si perde mai d’animo) che ormai abbiamo imparato a conoscere in anni di anime, manga e videogiochi. Passati tre anni dalla storia del gioco originale, spero che questi abbiano avuto la possibilità di crescere ed evolversi, maturare e togliersi di dosso quell’aspetto di “già visto” che, sebbene non vada a inficiare sulla qualità del gioco, non si può fare a meno di notare.

Atelier Ryza 2

“Maturità” sembra proprio il leitmotiv di Atelier Ryza 2: Lost Legends & The Secret Fairy: non solo per l’età anagrafica dei personaggi, ma perché GUST ha avuto modo di ascoltare il feedback dei fan, ha ormai maturato esperienza con questa nuova direzione di gameplay e dovrebbe aver preso dimestichezza con l’engine di gioco e con tutti i cambiamenti fatti rispetto alle saghe Atelier precedenti. La prima volta non si scorda mai, ma qui ci sono tutte le carte in tavola per eguagliare quello che, a conti fatti, è stato sicuramente uno dei migliori titoli giapponesi usciti nel 2019. Per sapere se GUST ha fatto un centro o un buco nell’acqua, vi invitiamo a rimanere sintonizzati sulle pagine di Akiba Gamers: la recensione arriverà presto!

In Atelier Ryza 2: Lost Legends & the Secret Fairy, Ryza lascia la sua tranquilla città natale, l’isola di Kurken, per visitare la vivace capitale reale di Ashra-am Baird, aprendo il suo atelier mentre esplora le antiche rovine del territorio circostante. Per scoprire i misteri che si nascondono tra le rovine, Ryza dovrà attraversare questo ambiente in modi completamente nuovi: oscillando, arrampicandosi, strisciando e persino superando una serie di ostacoli. Anche se alcune di queste abilità le verranno facili, avrà bisogno dell’aiuto della mistica Emerald Band per oscillare attraverso insidiosi spazi vuoti, mentre le straordinarie Air Drops le permetteranno di immergersi sott’acqua quando cercherà di scoprire aree ricche di materiali perfetti per la sintesi.

Mentre gestisce il suo atelier, Ryza si riunirà con i suoi amici d’infanzia Tao e Bos, incontrando anche alcuni nuovi compagni tra cui la gentile ma riservata Sherri Glaus, la figlia aristocratica che studia con Tao, Patricia “Patty” Abelheim, il padre di Patty ed ex cavaliere della famiglia reale, Volker Abelheim e il cacciatore di tesori in parte ladro, Clifford Diswell.

Prenota Atelier Ryza 2 per PlayStation 4/5 o Nintendo Switch seguendo questo link al prezzo di 59,99 €. Uscita prevista per il 29 gennaio 2021. Sostieni Akiba Gamers acquistando il gioco su Amazon attraverso questo link!


Nel frattempo potete seguire le nostre dirette su Twitch riguardanti il primo Atelier Ryza e l’inaspettato capolavoro dello scorso anno, Sakuna: Of Rice and Ruin. Appuntamento ogni sera alle 22:00 su twitch.tv/akibagamers!

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Lorenzo Repetto
Ossessionato da Le Bizzarre Avventure di JoJo e METAL GEAR, pensa che TRIGGER abbia salvato gli anime. Darebbe tutto pur di vedere un nuovo Trauma Center e il finale di Berserk; generalmente ti vuole bene, finché non gli parli di microtransazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*