Lutto nel mondo dei seiyuu: deceduta Saki Nitta e Toshiya Ueda

Lutto nel mondo dei seiyuu: deceduta Saki Nitta e Toshiya Ueda

Il mondo dei seiyuu piange oggi la scomparsa di Saki Nitta, deceduta lo scorso 6 febbraio all’età di 31 anni, e Toshiya Ueda, morto a 88 anni lo scorso 8 febbraio. Entrambi sono stati resi pubblici soltanto oggi.

A comunicare del decesso di Saki Nitta è stata l’agenzia 81 Produce, rivelando che la doppiatrice era affetta da un meningioma. Il funerale si è già svolto in forma privata, riservato soltanto alla famiglia. L’artista aveva prestato la propria voce per alcuni personaggi minori in Pokémon: Black & White, RIN-NE, Kiznaiver, Pop Team Epic, Magi: Adventure of Sinbad, e Space Patrol Luluco, mentre i suoi ruoli più grandi sono stati Pakuri in Kill la Kill, Bridget Faye e Cache Dop in D.Gray-man Hallow, e del giovane Shunsuke Imaizumi in Yowamushi Pedal.

Non è invece stata resa pubblica la causa della scomparsa di Toshiya Ueda, ma anche in questo caso il funerale si è svolto in forma privata e solo per la famiglia. Ueda era noto per aver doppiato personaggi del calibro di Tomio “Grandpa Tommy” Tamura in Prince Mackaroo, Vilk in The Promised Neverland, Georges Lazare in Vampire Wars, Zhang Shangui in Riki-Oh: Tōkatsu Jigoku, Ran Ōtei in Akai Hayate, Kakugen Yokoyama in Kennel Tokorozawa, Nefertari Cobra in alcuni episodi di One Piecee, e Noriaki Watanabe in Midoriyama Kōkō Kōshien-hen, ma ha ricoperto anche qualche ruolo minore in anime quali Mobile Suit Z Gundam, City Hunter, Dirty Pair, Lupin III: Part II, Master Keaton, Golgo 13, e Gatchaman.

Fonte: Oricon via Anime News Network (1,2)

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.