Hyperkin Retron 5: la retro-console a cartucce basata su Android

retron 5 cover

retron-5-cartucceIl retrogamer che è dentro di me sta piangendo calde lacrime di gioia. Vi presentiamo Retron 5, console su piattaforma Android creata da Hyperkin che ha come scopo quello di creare il centro di retrogaming definitivo.

La console è in grado di emulare o di far partire da cartuccia giochi per:

  • Nintendo Game Boy (GB)
  • Nintendo Game Boy Color (GBC)
  • Nintendo Game Boy Advance (GBA)
  • Nintendo Entertainment System (NES)
  • Nintendo Famicom (FC)
  • Super Nintendo Entertainment System (SNES)
  • Super Famicom (SFC)
  • Sega Mega Drive
  • Sega Genesis

Presenta inoltre delle porte per collegare i controller originali della console, ma supporta anche un proprio pad bluetooth, il tutto liberamente configurabile da GUI. Sul retro si trovano la porta USB, la presa per l’alimentazione , una presa AV out e una uscita HDMI.

Sfruttando le capacità e le funzioni integrate nell’emulatore, questa console è capace di pulire l’immagine con vari shader e di restituire un segnale anche a 720p, modificando il ratio da 4:3 a 16:9. Anche il comparto audio potrà essere rimaneggiato ricorrendo all’interpolazione (anche se già sento i fan di Street Fighter II Champion Edition per Genesis e della versione arcade gridare all’eresia). Sarà possibile aumentare il clock, inserire cheat e salvare in qualunque punto, come nei migliori emulatori per PC.

Come se non bastasse, il prezzo di questa magica scatola di sogni e ricordi pare sia inferiore ai 100 dollari, e non avrà bisogno di connessioni online o canoni mensili (frecciatina).

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Collezionista e retrogamer compulsivo, circola con un Game Boy Advance in tasca e non ha paura di usarlo. Probabilmente è il più polemico del gruppo.