A tavola col drago, i piatti di Yakuza: Like A Dragon

Nella saga di Ryū Ga Gotoku, e in particolare in Yakuza: Like A Dragon, il cibo svolge un ruolo particolare. Nel corso delle vicende di Ichiban verranno chiamate in causa numerose pietanze della cucina orientale (e non solo). Scopriamo insieme le più importanti!

I piatti di Yakuza: Like A Dragon

Il cibo e le bevande sono da sempre una presenza silenziosa all’interno della saga di Yakuza. È possibile acquistarne nei conbini, nei fast food, oppure mangiare direttamente in uno dei ristoranti disseminati all’interno dei rispettivi giochi. In Yakuza: Like A Dragon ci sono piatti che assumono una connotazione diversa, diventando quasi parte della storia: alcuni vengono citati nei dialoghi della trama principale, altri durante le conversazioni secondarie che di tanto in tanto si attiveranno durante le nostre scorribande a Isezaki Ijincho.

In questo articolo abbiamo scelto alcune fra queste pietanze giapponesi e non: vi spiegheremo cosa sono e come si integrano all’interno di Yakuza: Like A Dragon, evitando quanto più possibile di farvi spoiler.

Gyūdon

Gyūdon

Con il termine gyūdon si indica un piatto formato da una ciotola di riso condita con manzo, salsa agrodolce, salsa di soia, mirin (aceto di riso dolce) e cipolla sbollita e aromatizzata con dashi (brodo a base di pesce). Tra gli ingredienti supplementari si possono trovare spaghetti shirataki e condimenti come un uovo crudo o un “onsen tamago” (uovo cotto a basse temperature nelle acque termali tipiche del Giappone). È un piatto modesto ma assai popolare, comunemente servito assieme a una zuppa di miso, beni shōga (zenzero rosso sottaceto) e shichimi (una miscela di spezie a base di peperoncino). Tra le varianti di questo piatto troviamo il butadon (con carne di maiale al posto del manzo), il kimchidon (con le celebri verdure fermentate di origini coreane) e l’unadon (con prelibatissima anguilla).

Il gyūdon è il piatto preferito del protagonista Ichiban Kasuga e può essere acquistato all’interno del gioco a partire da 400 Yen presso la catena di negozi Akaushimaru. Avremo modo di scoprire la passione di Ichi per questo piatto nel corso del prologo del titolo, ambientato nel quartiere Kamurocho di Tokyo. Dopo aver preso la decisione di prendersi la colpa di un omicidio al posto di un suo superiore all’interno della famiglia Arakawa, Kasuga deciderà di spendere tutti i soldi rimasti nelle sue tasche proprio in gyūdon. E vi assicuro che la pila di citole consumate in quel frangente non ha davvero nulla da invidiare alle cataste di piatti ingurgitati da Goku e compagni Saiyan in Dragon Ball. La catena Akaushimaru di Ryū Ga Gotoku è ispirata alla catena realmente esistente Matsuya, uno dei migliori tre ristoranti del Giappone dove è possibile gustarsi una bella ciotola di gyūdon a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Senbei

I senbei sono cracker di riso glutinoso, salati oppure dolci, di varie forme e dimensioni. Questi cracker vengono cotti al forno oppure alla griglia (possibilmente con l’utilizzo di carbone), e vengono serviti con condimenti come sale, salsa di soia o mirin, oppure avvolti nella caratteristica alga nori e accompagnati da una tazza di tè verde. Si tratta di snack spesso serviti agli ospiti come forma di cortesia. In Giappone ne esistono decine di tipologie, come quello di pesce, di loto, kimchi, wasabi, curry e cioccolato. Parlando di esperienze personali, abbiamo ricevuto dei pacchetti di senbei preconfezionati dagli anziani gestori del nostro ristorante di sushi prediletto a Mitaka: dopo aver scambiato quattro chiacchiere con loro ed essere tornati per diversi anni di fila, per ringraziarci ci hanno offerto dei senbei tradizionali.

All’interno di Yakuza: Like A Dragon i senbei giocano un ruolo di primo piano in uno dei principali mini-game, che tra le altre cose ci consentirà di sbloccare un personaggio segreto per il nostro party. A capo della Ichiban Confections, ci offriremo con ardore di gestire un’azienda sull’orlo del collasso. Dovremo ripartire dal piccolo negozietto di famiglia ponendoci via via obiettivi sempre più importanti, come rientrare fra le cento aziende più influenti del Giappone o addirittura arrivare al primo posto. Durante la nostra carriera di CEO saremo anche chiamati a presenziare in una serie di spot TV che vedranno protagonisti senbei grossi anche più della testa di chi li sta mangiando.

Hotcake e Pancake

Hotcake e Pancake

Nel corso del gioco ci capiterà di attivare delle conversazioni secondarie fra i vari membri del nostro party. In una di queste, Ichiban discuterà con gli altri di draghi, e Zhao farà notare al nostro eroe che c’è una differenza fra draghi occidentali (dragon) e draghi orientali (ryū). Impressionato dalla vasta conoscenza del suo nuovo amico, Ichi non esiterà a chiedergli se conosce anche la differenza fra hotcake e pancake. Purtroppo lui non conosce la risposta, lasciando nel dubbio anche noi giocatori.

Non potevo certamente ignorare la questione e ho effettuato delle ricerche per poter rispondere alla domanda di Kasuga. Come ben saprete, i pancake sono dolci per la prima colazione appartenenti alla tradizione americana. Spesso chiamati semplicemente frittelle nei film e nelle serie TV degli anni Novanta qui in Italia, altro non sono che crêpe dolci dallo spessore che va da 3 a 5 mm. Spesso vengono accompagnati da confetture varie, sciroppo d’acero, burro di arachidi o semplicemente crema alla nocciola, ma in alcuni casi possono essere ricoperti di burro fuso e serviti anche come pietanze salate assieme a uova e bacon. Gli ingredienti alla base dei pancake sono latte, uova, lievito, zucchero e farina e vengono cotti in una padella imburrata, da qui il nome “pan” (padella in inglese). D’altro canto le hotcake sono… praticamente la stessa cosa. Non c’è alcuna differenza sostanziale fra i due dolci, a parte il nome. In alcune zone del mondo vengono chiamati pancake, in alcune altre zone sono noti invece come hotcake. Alcune altre fonti sostengono che nei pancake non venga utilizzato il latte e nelle hotcake venga utilizzato più zucchero, il che le rende più dolci e soffici dei pancake. Insomma, non c’è una vera e propria differenza: anche in Giappone le diverse aziende che ne producono decidono autonomamente con quale nome vendere il proprio prodotto.

Ebichiri

Sempre parlando di chiacchiericcio secondario all’interno di Like A Dragon, e sempre a proposito di Zhao, viene nominato un piatto chiamato “Ebichiri”. Nonostante si tratti di un nome giapponese (ebi sarebbe il gambero), è una pietanza originaria della cucina cinese traducibile come “gamberi al chili”. La specialità di Zhao è infatti quella di cuocere i gamberi in una padella wok e condirli con aglio e salsa chili. Come molti altri piatti della cucina cinese, anche l’Ebichiri è stato a tutti gli effetti adottato dai giapponesi all’interno delle proprie tradizioni culinarie. Tuttavia, non mi è mai capitato di mangiarlo in giro per i ristoranti di Tokyo — è una cosa che mi riprometto di fare durante il prossimo viaggio.

Anatra alla pechinese

Anatra alla pechinese

La regina del cibo cinese, come viene definita nel gioco stesso, è l’anatra alla pechinese. Un piatto decisamente ricorrente all’interno di Yakuza: Like A Dragon che ci viene nominato già nelle cutscene iniziali. Il cibo preferito del patriarca Arakawa, quello che Ichiban non ha mai avuto occasione di gustare… semplicemente perché il ristorante era chiuso. L’anatra alla pechinese (pekin dakku, in giapponese) verrà nominata diverse altre volte, così come viene brevemente descritto il modo migliore per mangiarla: essiccata al sole prima di arrostirla, in modo che la pelle diventi il più croccante possibile.

Non avendo mai assaggiato l’anatra alla pechinese in prima persona, ho fatto delle ricerche per scoprire come viene preparato questo prelibato e apparentemente costosissimo piatto. L’anatra, pulita dalle viscere e letteralmente “gonfiata”, viene appesa e spennellata con un composto formato da acqua, sale, miele, olio di sesamo e vino di riso portato all’ebollizione. Dopodiché l’anatra viene posta in verticale e arrostita per 30 minuti a 200 gradi, poi a temperatura inferiore viene nuovamente spennellata fino a che la pelle non diventa croccante. La cottura complessiva è di circa due ore, dopo le quali l’anatra viene ripulita, tagliata a fettine sottili e condita con salsa di soia su un piatto caldo. L’anatra alla pechinese è uno dei piatti più pregiati della cucina cinese, arrivando a costare dai 30 ai 50 €.


Avete mai mangiato l’anatra alla pechinese? Per scoprire se anche Ichiban riuscirà ad assaggiarla dovrete portare a termine l’avventura principale di Yakuza: Like A Dragon!

Ichiban Kasuga, uno scagnozzo di una famiglia di basso rango della yakuza di Tokyo, viene condannato a 18 anni di prigione per un crimine che non ha commesso. Senza mai perdere la speranza, Ichiban sconta la sua pena e torna in libertà solo per scoprire che nessuno aspetta il suo ritorno e che il suo clan è stato distrutto dall’uomo che rispettava di più. Ichiban decide di scoprire la verità sul tradimento della sua famiglia e di riprendersi la propria vita, riunendo uno sgangherato gruppo di reietti della società: il poliziotto allo sbando Adachi, l’ex infermiere Nanba e la determinata hostess Saeko. Insieme, i quattro restano invischiati in un conflitto che si agita sotto la superficie di Yokohama e si ritrovano a dover diventare gli eroi che non avrebbero mai pensato di essere.

Yakuza: Like a Dragon arriva su Xbox Series X | S, Xbox One, PlayStation 4, Windows 10 e Steam il 10 novembre 2020. Le versioni Xbox Series X | S supporteranno il programma Smart Delivery per i possessori del gioco su Xbox One, mentre i possessori di PlayStation 4 riceveranno un aggiornamento gratuito per la versione PlayStation 5, sia fisica che digitale, il 2 marzo 2021. Un’esperienza come nessun altra, Yakuza: Like a Dragon offre un gameplay RPG dinamico, con un’avventura epica che combina intense risse, un dramma schiacciante e l’ilarità esagerata per cui è nota la serie Yakuza. Il gioco include anche il voice over di un cast di attori eccezionali tra cui George Takei, Kaiji Tang, Andrew Morgado, Greg Chun ed Elizabeth Maxwell.

Acquista Yakuza: Like a Dragon per PlayStation 4 o Xbox One / Series X | S seguendo questo link al prezzo di 60,98 €. Uscita prevista per il 10 novembre 2020. Sostieni Akiba Gamers acquistando il gioco su Amazon attraverso questo link!

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

2 commenti

  1. Avatar

    La sottile differenza tra pancakes e hotcakes viene spiegata anche in un episodio dell’anime (e anche del manga, suppongo) Flying Witch. Se quello che viene detto lì è giusto, pare che gli hotcakes, che è il nome che viene usato comunemente in Giappone, siano più piccoli e spessi dei pancakes. Altrove online si dice poi che la differenza di base sia che i pancakes, esendo apputo più grandi e sottili, possono essere mangiati ripieni tipo omelette, mentre gli hotcakes vengono tipicamente serviti impilati uno sopra l’altro con del burro sopra.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

ilCirox Channel - Memes, offerte e games