RESIDENT EVIL: Infinite Darkness – Trama e immagini per la serie Netflix in CG

RESIDENT EVIL: Infinite Darkness di Netflix

È passato un bel po’ di tempo dall’ultima volta che abbiamo ricevuto novità riguardanti RESIDENT EVIL: Infinite Darkness, chiamata così la serie in CG di Netflix in arrivo nel corso del 2021. Attraverso la pagina Twitter ufficiale della piattaforma, viene rivelato che Nick Apostolides e Stephanie Panisello, direttamente dal remake di RESIDENT EVIL 2, torneranno a prestare la propria voce rispettivamente a Leon Kennedy e Claire Redfield.

RESIDENT EVIL: Infinite Darkness di Netflix

Le vicende della serie si svolgono nel 2006, iniziando con un hacking ai danni della Casa Bianca. Mentre l’agente Leon è impegnato nelle investigazioni sull’incidente, verrà attaccato improvvisamente da un gruppo di zombie. Appena il giorno dopo, Leon si imbatterà in Claire, presente sul posto per la costruzione di una struttura sociale. Anche Claire è impegnata in alcune investigazioni, più per la precisione riguardo uno strano disegno che ha ricevuto da un bambino, un rifugiato che soffre di un’infezione virale. La storia seguirà i due personaggi, intenti a scoprire i misteri dietro questi due strani casi.

RESIDENT EVIL: Infinite Darkness sarà supervisionata da Hiroyuki Kobayashi di CAPCOM, figura che ha lavorato ad altri titoli della serie Resident Evil. La produzione invece sarà a carico di TMS Entertainment, gli stessi di Lupin III: The First. Kei Miyamoto (Resident Evil: Vendetta) farà invece da supervisor delle animazioni in 3DCG.

Fonte: Netflix via Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*