Lo Studio Tear di Tokyo è sparito senza pagare i propri dipendenti

Lo Studio Tear di Tokyo è sparito senza pagare i propri dipendenti

Tramite un tweet pubblicato inizialmente due giorni fa dall’animatore e artista freelance Gen Sato, volto noto nell’industria fin dal 1986 e poi corroborato anche da altre fonti, un’intero studio di animazione sarebbe sparito nel nulla nel corso della notte, lasciando i propri dipendenti e lavoratori a contratto non pagati. L’animatore Gen Sato pur dicendosi devastato e amareggiato non fa nomi, ma nel suo tweet allude più volte ad uno studio ben preciso tramite il kanji che significa “pianto”: si tratterebbe infatti dello Studio Tear, con sede nel quartiere Suginami di Tokyo, dove la maggior parte degli studi di animazione è situata.

Stabilita inizialmente nel 2013, questa compagnia si è occupata negli anni principalmente di fornire supporto ad altri studi in progetti già in corso per altri anime, fino a crescere abbastanza da poter annoverare sotto la propria ala alcuni titoli piuttosto conosciuti, come la serie anime Why the Hell are You Here, Teacher!? (Nande koko ni sensei ga!?) del 2018, un OVA per la serie yuri Fragtime uscito appena due settimane fa,e il film anime della serie The Royal Tutor che ha debuttato nei cinema giapponesi a febbraio 2019.

Il sito della compagnia è rimasto offline fino a poche ore fa, mentre il profilo Twitter ufficiale è stato completamente cancellato. Dopo i primi report, altri animatori e lavoratori a contratto per lo studio si sono fatti avanti, con alcuni tweet che vi riportiamo qui sotto, in cui si conferma lo stesso sentimento: nessuno si aspettava questa cosa, e nessuno ovviamente ha ricevuto i pagamenti pattuiti dal contratto.

Per ora pare che nessuno abbia provato a contattare telefonicamente Studio Tear o a recarsi fisicamente nell’ufficio, ma di sicuro l’aver cancellato in quattro e quatr’otto la propria presenza online non è un buon presagio. Altri utenti di Twitter si sono uniti nel cercare di supportare gli artisti coinvolti in questa problematica situazione, per cercare di capire in fretta cosa sia successo esattamente.

Fonte: Gen Sato via SoraNews24

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Lorenzo Repetto
Ossessionato da Le Bizzarre Avventure di JoJo e METAL GEAR, pensa che TRIGGER abbia salvato gli anime. Darebbe tutto pur di vedere un nuovo Trauma Center e il finale di Berserk; generalmente ti vuole bene, finché non gli parli di microtransazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

ilCirox Channel - Memes, offerte e games