World’s End Harem: l’anime appena iniziato entra già in pausa

World’s End Harem: l'anime appena iniziato entra già in pausa

Non è passato neanche un giorno dalla messa in onda del primo episodio di World’s End Harem, eppure lo staff ha già annunciato che la serie anime si prenderà qualche mese di pausa “necessaria“.

Questo adattamento animato del piccante manga originale di Link e Kotaro Shono ha infatti debuttato ieri come parte del palinsesto autunnale, ma per poter ammirare il secondo episodio e successivi sarà necessario attendere gennaio 2022, in quanto si è reso necessario esaminare attentamente la produzione.

L’anime è andato in onda solo sulle emittenti televisive giapponesi, ma Crunchyroll ne aveva annunciato l’arrivo anche sulla propria piattaforma streaming, rendendosi così disponibile per gli spettatori occidentali. Al momento di questa notizia il primo episodio non è ancora disponibile, ma non mi stupirei se volessero aspettare gennaio 2022 per proporla in forma continua.

Per il momento, quindi, è bene proseguire con la lettura del manga originale, pubblicato in italia da J-POP (qui la nostra recensione). Ecco come ci viene introdotta la storia:

Quando una malattia misteriosa stermina la quota maschile dell’umanità, l’unica speranza per evitare l’estinzione sono una manciata di ragazzi scampati all’epidemia. A loro spetta il duro compito di ripopolare la Terra, sfuggendo a chi vuole mettere le mani sui loro cromosomi, in un mondo dove per milioni di donne sono loro la risorsa più desiderata e ricercata!

Fonte: Sito ufficiale via Anime News Network

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*