Monochrome Mobius: Rights and Wrongs Forgotten – Nuovo trailer e video di gameplay

Monochrome Mobius: Rights and Wrongs Forgotten

Aquaplus ha da poco concluso la sua diretta streaming interamente dedicata a Monochrome Mobius: Rights and Wrongs Forgotten, in cui ci è stato proposto non solo un trailer di gameplay, ma in cui sono stati mostrati anche ben 12 minuti di live gameplay.

Monochrome Mobius: Rights and Wrongs Forgotten è in arrivo su PlayStation 5, PlayStation 4, e PC via Steam in tutto il mondo dall’8 settembre.

Gameplay trailer

Live gameplay

Panoramica

Un nuovo JRPG di Aquaplus, annunciato per commemorare i 20 anni del franchise di successo Utawarerumono. Prodotto dal leggendario compositore Naoya Shimokawa e scritto dal writer Munemitsu Suga, con il supporto della superba direzione artistica dello studio guidata dal character designer Mi, Monochrome Mobius: Rights and Wrongs Forgotten si concentra sul cuore di ogni grande gioco di ruolo: la storia.

Storia

Ennakamuy, uno stato vassallo di Yamato situato nelle Terre Esterne, ospita un giovane che vive con la madre e la sorella minore.
Un giorno, mentre il ragazzo sta indagando su una questione per volere dell’Owlo (Imperatore), incontra una ragazza misteriosa che rivela qualcosa di incredibile: suo padre, ritenuto morto, in realtà è ancora vivo.

Alla ricerca della verità, decide di lasciare il villaggio e dirigersi verso Arva Shulan, un paese misterioso che non esiste in nessuna mappa, superando un ostacolo dopo l’altro per ripercorrere le orme del padre.
Durante il viaggio incontra compagni che la pensano allo stesso modo, attraversando insieme difficoltà, felicità, battute d’arresto e separazioni dolorose..

Come vuole il destino, il ragazzo si ritrova lentamente trascinato nel mezzo di una svolta critica nella storia.

Questa è la storia di un giovane che in seguito diventa “Utawarerumono”, coloro che vengono lodati.

Fonte: Aquaplus via Gematsu

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.