ASTRAL CHAIN: Atsushi Inaba conferma che l’IP è in mano a Nintendo

ASTRAL CHAIN

Le scorse settimane il sito ufficiale giapponese di ASTRAL CHAIN è stato modificato, eliminando PlatinumGames dalla sezione copyright.

Molti fan si sono domandati cosa ciò volesse dire, se si trattasse di un semplice errore o se Nintendo avesse acquisito definitivamente l’IP. A risolvere questo annoso quesito ci ha pensato niente meno che Atsushi Inaba, che durante un’intervista a VGC si è limitato a commentare la questione dicendo “È proprio come sembra. Sta scritto sul sito, ASTRAL CHAIN è un’IP di Nintendo e per questo ci sentiamo limitati a parlare del titolo”. Quando richiesto un commento aggiuntivo, un rappresentate della compagnia ha semplicemente detto che PlatinumGames non è nella posizione di poterne parlare.

Che ne sarà dunque del futuro del franchise? All’inizio dello scorso anno fu proprio Takahisa Taura a farci sperare in un possibile seguito dato gli straordinari dati di vendita del gioco. Che Nintendo decida di proseguire senza PlatinumGames? O forse si tratta dell’inizio di una lunga e duratura collaborazione? Non ci resta che attendere per scoprirlo.

Fonte: PlatinumGames via GoNintendo

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*