Kamen Rider: Memory of Heroez offrirà solo tre personaggi? L’intervista al producer Kentarou Mataro

Kamen Rider: Memory of Heroez

Appena due giorni fa BANDAI NAMCO Entertainment ha annunciato al mondo il suo Kamen Rider: Memory of Heroez, un nuovo titolo dedicato al più celebre franchise Tokusatsu fissato in uscita nel Sol Levante dal 28 ottobre su PlayStation 4 e Nintendo Switch.

Se da una parte abbiamo un prodotto che sembra diverso dal solito, o quantomeno da quello proposto in Battride War e nei vari titoli della serie Climax, dall’altra abbiamo un dettaglio che lascia un po’ d’amaro in bocca: con quasi 50 anni alle spalle, passando per tre ere (Showa, Heisei e Reiwa) e 31 serie, l’idea di trovarci tra le mani un prodotto che vede la presenza di soli tre Kamen Rider fa storcere un po’ il naso, in quanto limita abbastanza le sue potenzialità.

Nonostante tutto, Famitsu ci ha proposto un’interessantissima intervista al producer del gioco Kentarou Mataro, che ci ha fatto dono di qualche ulteriore dettaglio interessante:

  • Si tratta di un Hero Chain Action Game incentrato su combattimenti cool e pieni di stile, come visto nelle varie serie. Sebbene Kamen Rider contasse già su una serie action quale Kamen Rider: Battride War, in questa mancava il fascino di continuare a combattere e attaccare mentre si cambia continuamente forma tra le varie disponibili.
  • Le Chain Action presentano un nuovo sistema che richiede l’uso del tasto L, dell’analogico sinistro, e di uno dei tasti per selezionare il tipo di cambio forma o attacco da utilizzare. Questo permette di effettuare una gradevole varietà di combo utili a seconda dell’attuale situazione del combattimento.
  • Anche questo gioco, come tanti altri, suddivide le proprie battaglie in normal battle e boss battle. Le battaglie classiche si concentrano sul cambio forma e sulle combo, ricevendo addirittura valutazioni sempre più alte a seconda del numero totale di colpi e di danni arrecati. Le Boss Battle invece richiederanno precisi movimenti e analisi della situazione, in quanto ogni attacco ricevuto ci arrecherà danni notevoli.
  • La storia narrata dal titolo si svolgerà su un’isola chiamata Sector City, che sprigiona uno strano tipo di energia non identificata capace di attirare i tre Rider, i quali dovranno investigare la fonte di questo potere ed ergersi a difesa di una nuova minaccia per la razza umana. Zero-One è un Rider dell’era Reiwa che segue lo stesso spirito di giustizia di W e OOO, ovvero due dei più influenti Rider dell’era Heisei, e la storia principale spiegherà cosa esattamente significa il termine giustizia per ciascuno dei tre, e di come questo spirito è stato trasmesso ad altri Kamen Rider.
  • Le Gadget Action permettono ai tre Rider di usare i rispettivi strumenti e gadget nel corso della storia, come il Denden Sensor di W che potrà essere usato per scovare oggetti nascosti e tanto altro. Questo è uno degli aspetti assenti nei precedenti giochi dedicati a Kamen Rider.
  • Zero-One è doppiato da Fumiya Takahashi, stesso attore proposto dalla serie, mentre W e OOO avranno doppiatori esclusivi scelti per il gioco: Hidari Shotaro avrà la voce di Yoshimasa Hosoya, Philip di Kouki Uchiyama, ed Eiji/OOO di Tatsuhisa Suzuki.
  • La struttura di gioco si basa sulle missioni, che i giocatori dovranno completare per riuscire ad avanzare nella storia. Sarà possibile scambiare liberamente i tre Rider in qualsiasi momento della battaglia, e verrà offerto un sistema che proporrà dei bonus a seconda del personaggio con cui stiamo giocando.

Così come gli ultimi giochi che la serie ha ricevuto, anche Kamen Rider: Memory of Heroez verrà rilasciato in Asia nella classica edizione con testi in lingua inglese. Un ottimo compromesso nel caso non venga mai annunciato per l’Occidente.

Fonte: Famitsu via Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

ilCirox Channel - Memes, offerte e games