GUNDAM: la statua dell’RX-93ff Nu Gundam di Fukuoka è completa

RX-93ff Nu Gundam di Fukuoka

Da pochi giorni, in quel di Fukuoka, si è tenuta la cerimonia per l’installazione della testa sull’RX-93ff Nu Gundam, che sorge nell’area del Mitsui Shopping Park LaLaport. Si tratta di un rituale abbastanza comune, già fatto in passato anche per le altre statue sparse per il Giappone come l’RX-0 Unicorn Gundam di Odaiba e l’RX-78F00 Gundam di Yokohama (quello in grado di camminare, per intenderci NdR).

La cerimonia ha visto la presenza di un sacerdote shintoista, il quale ha benedetto la testa della statua prima di essere correttamente installata sul corpo con una gru. Sebbene però sia già completa, la fine ufficiale dei lavori e relativa inaugurazione sono fissati per aprile 2022.

Alto ben 24.8 metri, questo RX-93ff Nu Gundam è basato sull’RX-93 Nu Gundam (ν Gundam) pilotato da Amuro Ray nella pellicola Mobile Suit Gundam: Il contrattacco di Char. È dotato di un nuovo sistema di Fin Funnel a lungo raggio e uno schema di colori diverso.

Ad affiancare la statua sarà possibile trovare anche il Gundam Park Fukuoka, un nuovo complesso dedicato alla serie, gestito da BANDAI Spirits e BANDAI NAMCO Amusement Inc.

Che ve ne pare? Vi piacerebbe poterla vedere dal vivo un giorno? Purtroppo, causa COVID-19, il Giappone ha chiuso le proprie frontiere al turismo a inizio 2020, e ancora sembra non volerne proprio parlare di una riapertura. Anzi, con le nuove variantiche imperversano in tutto il mondo, ha addirittura allargato la cerchia di restrizioni.

Fonte: Sunrise via Gundam News

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.