Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster – Provato prima della recensione

In atteso del lancio il prossimo 25 maggio, scoprite le nostre prime impressioni su Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster

Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster

Tra i tanti titoli che verranno rilasciati durante il 2021 uno dei più attesi è senza ombra di dubbio Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster, versione migliorata dell’iconico terzo capitolo della saga ATLUS. Sono passati ormai diciotto anni dal rilascio originale, e finalmente il prossimo 25 maggio potremo vestire nuovamente i panni di Demi-Fiend e avventurarci in una Tokyo post apocalittica per decidere le sorti dell’intera umanità. Grazie a Koch Media e ATLUS, abbiamo avuto modo di mettere le mani in anteprima su quest’edizione rimasterizzata, in modo da potervi dare un piccolo assaggio di quella che sarà l’esperienza del gioco completo.

In questo articolo vi racconteremo le sensazioni ricevute nell’immergerci nuovamente all’interno del terzo capitolo della saga, mentre per un’analisi più tecnica dovrete aspettare l’arrivo in futuro della recensione. Ma basta con le chiacchiere, risvegliate il demone che è in voi e preparatevi a scoprire le nostre prime impressioni su Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster.

Demi-Fiend, protagonista di Shin Megami Tensei III

Non potrei iniziare questo articolo senza fare un tuffo nel mio passato. Ricordo ancora perfettamente il mio primo approccio con l’originale Shin Megami Tensei III, arrivato in Europa con il sottotitolo “Lucifer’s Call” e l’iconico bollino dedicato alla presenza di Dante di Devil May Cry all’interno del gioco che negli anni è diventato un vero e proprio meme classico. Ero un giovane sbarbatello di sedici anni quando, entrando da Blockbuster alla ricerca di qualche nuova avventura a noleggio, mi sono imbattuto nel franchise ATLUS per me ancora sconosciuto.

La mia prima esperienza non è andata poi così bene purtroppo. Nonostante all’epoca fossi già abituato ai JRPG, il primo impatto con un Shin Megami Tensei non è stato proprio dei più semplici. Non avevo ancora le abilità che ho acquisito nel tempo, e la difficoltà del gioco per me all’epoca era davvero abissale. Ed è un trauma che mi ha segnato particolarmente, tanto che negli anni mi sono avvicinato molto più al franchise Persona, decisamente meno punitivo rispetto al suo “fratello maggiore”.

Ma i traumi vanno pur superati, ed è per questo che fin dal suo annuncio ho atteso Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster con un misto tra emozione e paura. Avrei avuto finalmente la possibilità di riscattarmi, sfruttare le mie abilità nel campo dei JRPG ottenute dopo anni di grinding tra mondi fantastici per riuscire finalmente a superare quella che per me fu una montagna insormontabile. Ma se così non fosse? Se il titolo ATLUS fosse ancora davvero punitivo come me lo ricordo?

Fortunatamente la risposta a queste domande è arrivata fin dai miei primi momenti di gioco con Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster. Il titolo si è rivelato nuovamente uno dei capitoli più punitivi della saga, ma allo stesso tempo, avendo imparato a conoscerla meglio con il passare degli anni, si tratta di una sfida che non fa più paura ma anzi è decisamente emozionante. Le prime ore di gioco ci permetteranno di prendere confidenza con alcuni dei suoi protagonisti e con le meccaniche basilari del gameplay, dal combattimento al reclutamento di demoni per aiutarci nella nostra avventura.

Ma con Shin Megami Tensei non si scherza, ogni passo falso potrebbe infatti rivelarsi estremamente fatale. Riuscire a creare una squadra in grado di contrastare i nemici presenti nel dungeon che stiamo affrontando sarà fondamentale, in modo da non lasciare punti deboli scoperti e cadere vittime dei nostri avversari. Attaccare i punti deboli sarà infatti una meccanica particolarmente utile nel titolo, dato che ci permetterà di ottenere turni aggiuntivi in battaglia, ma lo stesso succederà ai nemici se saranno loro a colpire il nostro gruppo.

La personalizzazione di Demi-Fiend è uno degli elementi più interessanti, dato che grazie all’utilizzo di diversi Magatama potremo infatti modificare radicalmente il ruolo del protagonista in battaglia. Sostanzialmente il gameplay non è cambiato rispetto all’originale, e faranno il loro ritorno meccaniche come quella della fusione dei Demoni per crearne di nuovi o la loro evoluzione se stringeremo un forte legame con loro. Da questo punto di vista Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster mantiene un forte senso di tradizione e darà un senso di familiarità a tutti coloro che hanno già esperienza con i titoli ATLUS.

Le prime ore in compagnia con Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster ci hanno dato modo di ammirare in anteprima le migliorie grafiche apportate al gioco, le cui nuove texture risultano perfettamente pulite e adatte alla risoluzione degli schermi moderni. Al momento l’unica pecca tecnica che ho potuto riscontrare è il fatto che la software house non abbia deciso di rimasterizzare i filmati originali, che rimarranno dunque in formato 4:3. Menzione d’onore per la localizzazione in italiano, che sarà un grande aiuto per tutti i giocatori poco avvezzi all’inglese.

Uno degli elementi più interessanti del gioco è senza ombra di dubbio la presenza di tantissime novità sia a livello tecnico che di gameplay, come ad esempio l’opportunità di scegliere se durante la nostra avventura vorremo incontrare Dante da Devil May Cry oppure Raidou dalla serie Devil Summoner. Si tratta di una differenza presente anche nell’originale, Dante venne infatti scelto per commercializzare il titolo in Occidente mentre i giocatori giapponesi potevano incontrare esclusivamente Raidou.

Tra le novità inoltre troviamo la presenza della difficoltà CLEMENTE, che andremo ad analizzare maggiormente in fase di recensione. Si tratta di un livello di difficoltà pensato per tutti coloro che trovano l’avventura troppo punitiva ma vogliono comunque vivere la storia narrata all’interno di Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster. Il titolo ci permetterà di modificare il livello di difficoltà in qualsiasi momento della nostra avventura, permettendoci così di scegliere liberamente quando avremo bisogno di un aiuto o quando vorremo cimentarci in una vera e propria sfida.

Raidou farà il suo debutto in Europa in Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster

In definitiva, possiamo anticiparvi che per il momento la nostra prova con Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster ci ha lasciato piacevolmente sorpresi. Il titolo riesce a mantenere un forte senso di tradizione e allo stesso tempo è capace di innovare grazie ad una serie di scelte che ci permetteranno di avere un’esperienza di gioco più completa e dalle mille sfaccettature. Per concludere vi ricordo che Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster verrà rilasciato in Europa il prossimo 25 maggio su PlayStation 4, Nintendo Switch e PC.

Nel 2003 è nato un classico. E adesso… La leggenda apocalittica fa il suo ritorno. Respingi i demoni con il potere dei demoni. Mentre insegui la creazione, vecchi amici potrebbero diventare nemici. Tokyo è morta… E sono nato io.

Sono trascorsi 17 anni dal lancio di Shin Megami Tensei III, conosciuto in Europa con il titolo di Shin Megami Tensei: Lucifer’s Call. Adesso, la leggenda apocalittica fa il suo ritorno con un remake in alta definizione, disponibile su PlayStation 4 e Nintendo Switch dal 25 maggio 2021.

Prenota Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster per PlayStation 4 o Nintendo Switch seguendo questo link al prezzo di 50,98 €. Uscita prevista per il 25 maggio 2021. Sostieni Akiba Gamers acquistando il gioco su Amazon attraverso questo link!


E voi? Avete già prenotato la vostra copia? Chi sceglierete tra Dante e Raidou? Fatecelo sapere nei commenti!

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*