CODE VEIN: Famitsu rivela il nuovo gioco di BANDAI NAMCO

Prepare to Dine

L’ultimo numero di Weekly Famitsu svela l’arcano dietro al misterioso teaser trailer diffuso da BANDAI NAMCO Entertainment qualche giorno fa, Prepare to Dine. Si tratta del titolo che risponde al nome di CODE VEIN, sviluppato dallo stesso team di GOD EATER e in uscita su piattaforme ancora da annunciare nel corso del 2018.

Si tratta di un action RPG nel quale i giocatori saranno chiamati ad esplorare dungeon, ambientato in un prossimo futuro dove il mondo intero è finito in rovina. I giocatori assumeranno i panni dei Revenant, vampiri che possiedono abilità sovrannaturali, che collaboreranno per svelare la verità che ha portato il mondo allo stato attuale. Per sopravvivere i Revenant vivono in una società isolata chiamata “Vein”. I Revenant sono esseri che trascendono l’umanità, ma che hanno perso i propri ricordi; rimanere a secco di sangue, inoltre, potrebbe trasformarli in creature chiamate “Lost”.

Tra le caratteristiche principali di Code Vein anticipate da Famitsu, troviamo il sistema “Buddy”: nel corso dell’esplorazione dei dungeon sarà possibile portare un singolo partner con noi, che diverrà il nostro compagno. I Revenant utilizzano armi da mischia come spade a una mano e spadoni, ma anche lance e martelli.

La rivista svela inoltre alcuni dei termini chiave con i quali avremo a che fare all’interno del gioco.

  • Blood Veil: un equipaggiamento dei Revenant in grado di succhiare il sangue dai Lost. Ha la doppia funzione di accessorio e armatura. Un meccanismo dedicato si aziona quando è necessario succhiare del sangue, cambiando l’aspetto della maschera di chi lo utilizza.
  • Abilità speciale “Tempered Blood”: un’azione che può essere innescata dopo aver succhiato sangue con successo tramite il Blood Veil, che dipende dal sangue ottenuto dai Lost. Può aumentare la forza, indebolire il nemico o effettuare attacchi diretti.

Tra lo staff al lavoro sul progetto troviamo Keita Iizuka (Producer), Hiroshi Yoshimura (Director) e Yusuke Tomizawa (Project Team Leader). Lo sviluppo è completo al 35%, e di seguito includiamo una serie di elementi scaturiti dall’articolo presente sull’intervista.

  • Code Vein è una nuova sfida del team di sviluppo che si discosta totalmente da GOD EATER.
  • Che sia legato o meno a GOD EATER? Iizuka dichiara: “Lo stiamo svuluppando come un titolo nuovo, che possa offrire un’esperienza di gioco tutta nuova.”
  • Il suo nome si traduce come “codice di sangue” e il team lascia supporre che ci sia una verità da scoprire per i giocatori all’interno del mondo chiamato Vein.
  • Il genere è identificabile col termine “dramatic exploration action RPG”. Ci saranno aree da esplorare a piedi e senza interruzioni, che daranno un certo senso di appagamento ai giocatori. È un elemento sul quale il team si sta impegnando particolarmente.
  • Giocando con un compagno sarà possibile portare a termine sfide altrimenti difficili per il singolo giocatore.
  • I compagni agiscono autonomamente, ma sarà necessario aiutarli in alcuni frangenti.
  • Il gioco gira grazie all’Unreal Engine 4.
  • Non possono ancora rivelare le piattaforme sulle quale verrà rilasciato, ma si tratterà di console.
  • Un primo trailer di gameplay verrà diffuso a maggio.
  • Si tratta di un titolo giapponese che mira a diffondersi nel mondo intero.
  • Come team leader, Tomizawa dirigerà i lavori su Code Vein e anche sul nuovo GOD EATER.

L’annuncio ufficiale, probabilmente tramite un nuovo trailer, avverrà tra soli due giorni da parte di BANDAI NAMCO Entertainment.

Fonte: Weekly Famitsu via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.