DRAGON BALL Z: KAKAROT – In una scena è presente un errore di Unreal Engine

DRAGON BALL Z: KAKAROT

Durante le nostre sessioni di gioco su DRAGON BALL Z: KAKAROT, action RPG che ripercorre le vicende di Dragon Ball Z sviluppato da CyberConnect2 e pubblicato da BANDAI NAMCO Entertainment (di cui qui potrete leggere la nostra recensione), abbiamo scovato un errore davvero inusuale che ci ricorda che il gioco è stato realizzato con l’Unreal Engine 4.

Durante l’arco narrativo della Saga dei Saiyan infatti, e più precisamente durante lo scontro con Nappa, quest’ultimo andrà ad utilizzare un attacco energetico che, per via della forte luce ed energia, ricoprirà completamente di bianco lo schermo per alcuni secondi: proprio in questo lasso di tempo ci apparirà non offuscato da nulla nell’angolo in alto a sinistra uno dei codici di errore standard di Unreal Engine 4, motore grafico e fisico evidentemente utilizzato da CyberConnect 2 come spina dorsale per KAKAROT.

Purtroppo, il codice di errore è molto piccolo e non si riesce a scorgere molto specialmente a causa della compressione delle immagini, ma si riesce distintamente a capire quale sia il problema, con il messaggio “PROJECT DOES NOT SUPPORT WHOLE SCENE POINT LIGHT SHADOWS“. La spiegazione esatta del problema non è chiara, e chi vi scrive ammette candidamente di avere solo conoscenze superficiali dell’Unreal Engine perciò non posso darvi motivazioni particolarmente tecniche dell’errore, ma sostanzialmente le “point light” sono, come dice il nome, i punti in cui in una scena 3D ha origine la luce, funzionando proprio come una lampadina. L’errore, alla quale di solito è associato un pointer per capire esattamente quale di queste point light ha rilevato un bug, è legato perciò al modo in cui le zone d’ombra vengono create, renderizzate e proiettate in relazione alla posizione del punto luce.

Senza andare a confonderci le idee parlando di shader e permutazioni, l’errore potrebbe quindi essere causato dalla mancata spunta su un’opzione del progetto base di Unreal Engine 4, che abilita proprio queste whole scene point light shadows a livello globale. Insomma, un messaggio innocuo che avverte solo che qualcosa è andato storto con un punto luce in una determinata scena, ma che non dovrebbe avere nessuna ripercussione sul gioco in sè o causare altri problemi: dormite sonni tranquilli.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Lorenzo Repetto
Ossessionato da Le Bizzarre Avventure di JoJo e METAL GEAR, pensa che TRIGGER abbia salvato gli anime. Darebbe tutto pur di vedere un nuovo Trauma Center e il finale di Berserk; generalmente ti vuole bene, finchè non gli parli di microtransazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*