moon: intervista a Yoshiro Kimura di Onion Games

moon: intervista a Yoshiro Kimura di Onion Games

In occasione del Tokyo Game Show 2019 il sito Gematsu ha intervistato Yoshiro Kimura, creatore del videogame moon, il classico RPG che uscì originariamente a ottobre del 1997 per la prima PlayStation. Il gioco uscirà il 10 ottobre in Giappone e più tardi nel resto del mondo. Ecco alcuni punti salienti dell’intervista.

  • La piattaforma scelta fin dall’inizio è stata il Nintendo Switch. Sono state prese in considerazione anche PlayStation 4 e Xbox One.
  • Non ci saranno grossi cambiamenti rispetto all’originale. In particolare possiamo evidenziare che i dischi moon (che nel gioco permettono di cambiare la musica di sottofondo), avranno un suono stereo al posto dell’originale mono.
  • Il gioco sarà in 4:3 sia in dock che in modalità portatile
  • Non ci saranno barriere linguistiche o temi particolari in quanto si tratta di un anti-RPG.
  • Nel gioco dovremo collezionare “amore”. In particolare potremo trovare i corpi e le anime dei mostri uccisi dagli eroi e riportarli in vita per guadagnare “amore”.
  • Non ci saranno altri membri del party; la storia sarà incentrata sul protagonista.
  • Salendo di livello otterremo altro tempo per muoverci. Non ci saranno battaglie, non ci sarà HP. Kimura stesso pensa che questo strano sistema creato 22 anni fa sia stupido.
  • Kimura parla dell’ex SQUARESOFT, in particolare di come la compagnia si sia espansa e abbia perso l’atmosfera di lavorare intorno a poche persone.
  • Kimura apprezza UNDERTALE e parla della sua amicizia con Toby Fox, che si è ispirato per il suo gioco a moon.
  • Kimura vuole che la traduzione per il suo titolo sia impeccabile, per questo non è ancora stata resa nota una data di rilascio oltreoceano. Inoltre viene menzionata la possibilità di non tradurre alcuni termini come ad esempio “Senpai” e “Onigiri“, che in alcune localizzazioni sono stati cambiati.
  • Per moon non ci saranno sequel, la storia del gioco è conclusa. Kimura critica chi produce sequel per soldi o perché il precedente titolo non ha venduto abbastanza in quanto preferirebbe sempre raccontare nuove storie.
  • Kimura afferma che il progetto è autofinanziato e che Nintendo non ha finanziato nulla. Ha preso in considerazione la possibilità di aprire un Kickstarter, successivamente scartata per aver temuto di non essere così famoso oltreoceano.
  • Kimura ama la competizione tra videogames giapponesi e occidentali, evidenziando i punti in comune nonostante le differenze culturali.
  • Kimura è destabilizzato del fatto che l’originale CD di moon abbia un prezzo elevato e non apprezza questo fatto. È fiero del fatto che il prezzo del gioco sia 2.000 yen (circa 17 euro).

Fonte: Onion Games via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Riccardo Piras
Ha reagito all'annuncio di Bloodstained: Ritual of the Night come Paolo Brosio con il Papa. Termina Golden Axe almeno una volta al mese. Da dieci anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

ilCirox Channel - Memes, offerte e games