Dragon Quest: Heroes, Famitsu intervista Yuji Horii

dragon quest heroes cover

Il numero di Famitsu di questa settimana presenta un’intervista a Yuji Horii, creatore di Dragon Quest, che offre nuovi dettagli sulla recente collaborazione avviata da SQUARE ENIX e KOEI TECMO per la realizzazione del nuovo Dragon Quest: Heroes. Secondo Horii, nel preciso momento in cui lui stesso ha deciso di voler creare un Dragon Quest basato in stile action, è stato contattato da KOEI TECMO, e ne ha approfittato per proporgli l’idea. Il concetto alla base del gioco è l’invasione di un milione di mostri di diverse forme e dimensioni. Le sue battaglie non saranno ispirate a quelle di Dynasty Warriors, bensì a quelle del recente Toukiden: The Age of Demons.

Il gioco è in via di sviluppo dallo scorso anno presso Omega Force, sotto la costante supervisione di SQUARE ENIX. Lo staff ama molto sia i titoli sviluppati da Omega Force (come Toukiden) che la saga di Dragon Quest, e ha proposto molteplici idee in fase di pianificazione e sviluppo. Persino Horii stesso sta dando una mano sostanziosa nello sviluppo. Heroes sarà condito da molti riarrangiamenti orchestrali dei temi portanti dei giochi della serie, composti da Koichi Sugiyama, e anche il caratteristico tema musicale del level up sarà di ritorno.

Infine, Horii rivela che Dragon Quest XI è attualmente in sviluppo in maniera del tutto separata da questo capitolo extra, ma SQUARE ENIX intende creare nel pubblico eccitazione e aspettative con Heroes prima del suo annuncio ufficiale.

Dragon Quest: Heroes arriverà in Giappone, su PlayStation 4 e PlayStation 3, durante la primavera del 2015.

Fonte: Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.