POKKÉN TOURNAMENT è stato pensato per gli adulti cresciuti con Pokémon

POKKÉN TOURNAMENT è stato pensato per gli adulti cresciuti con Pokémon

Come ben saprete, POKKÉN TOURNAMENT è il nome del fighting game arcade sviluppato da BANDAI NAMCO Entertainment in collaborazione con il franchise di Pokémon. Imagine-Nation ha intervistato il presidente di The Pokémon Company, Tsunekazu Ishihara, assieme al celeberrimo Katsuhiro Harada, responsabile del franchise TEKKEN e di questo nuovo titolo. Dall’intervista è emerso il fatto che questo innovativo titolo del franchise è stato sviluppato espressamente per un pubblico più adulto rispetto ai classici giochi di Pokémon per la portatile Nintendo.

“Considerando che molti dei giocatori della generazione che hanno giocato a Pokémon Rosso e Verde (Blu, in occidente) hanno ormai raggiunto la soglia dei trent’anni, e che quelli che all’epoca frequentavano le scuole elementari ora si trovano all’università, abbiamo mirato a creare un gioco che potesse intrattenere questa tipologia più matura di persone che sono cresciute giocando a Pokémon, piuttosto che mirare solo a un target di bambini. L’idea di fondo è dimostrare agli adulti che questo è il nuovo Pokémon e invogliarli a giocare.”

Oltre che commentare in questo modo, Ishihara ha lasciato intendere che esiste una possibilità che il gioco venga rilasciato oltreoceano. Tuttavia, non è stata fatta parola circa una sua uscita su console. L’arrivo del cabinato nelle sale giochi giapponesi è previsto per il prossimo 16 luglio.

Fonte: My Nintendo News

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.