Netflix annuncia Bubble, il nuovo lungometraggio di Wit Studio

Netflix annuncia Bubble, il nuovo lungometraggio di Wit Studio

Netflix ha da poco annunciato Bubble, il nuovo film d’animazione prodotto da Wit Studio, il medesimo che ha trasposto in animazione le prime quattro stagioni di Attack on Titan. Il lungometraggio sarà ambientato in una Tokyo moderna intrappolata in quella che ha tutta l’aria di essere una immensa bolla di sapone: l’intera città è sommersa da un mare che sfida le leggi di gravità, che la taglia fuori dal resto del mondo. Gli abitanti più giovani vedono questa nuova Tokyo come un immenso parco giochi, un “campo di battaglia” per squadre di parkour che si esercitano nell’attraversare la città. Tra questi troviamo Hibiki, uno spericolato tracciatore che ha sfidato la sua fortuna, finendo per cadere nel mare. Viene salvato da una ragazza con strani poteri chiamata Uta: insieme i due sentono uno strano rumore e indagare li porterà a scoprire la verità dietro lo stato attuale del mondo.

Il film sarà diretto da Tetsuo Araki (Attack on Titan), mentre Gen Urobuchi (Madoka Magica) sarà lo sceneggiatore. Nel ruolo di character designer troviamo l’artista Takeshi Obata (Death Note), mentre Hiroyuki Sawano (Promare) si occuperà della colonna sonora. Tra i doppiatori saranno presenti nomi di prestigio come Mamoru Miyano. La data di uscita del film su Netflix è fissata per il prossimo 28 aprile 2022 e di seguito possiamo ammirarne un teaser trailer in italiano.

Bubble – Teaser Trailer

Fonte: Netflix via Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.