KONAMI spiega come aggirare un glitch in METAL GEAR SOLID V: The Phantom Pain

KONAMI spiega come aggirare un glitch in METAL GEAR SOLID V: The Phantom Pain

Nei negozi dallo scorso 1 settembre, METAL GEAR SOLID V: The Phantom Pain passerà alla storia come uno dei migliori titoli di quest’anno, ma non è certo esente da bug che ne compromettano il perfetto svolgimento. Alcuni giocatori hanno infatti riscontrato problemi con le missioni 29 e 42 che, una volta portate a termine, interromperebbero la progressione all’interno del titolo.

Prima di riuscire a rilasciare una patch di aggiornamento che possa risolvere il problema in via definitiva, KONAMI ha suggerito un metodo sicuro per riuscire ad evitare questo problema, che consisterebbe semplicemente nell‘affrontare le due missioni senza contare sull’aiuto della bella Quiet. Vi riportiamo di seguito il messaggio per intero, direttamente dal sito della compagnia.

[Important Announcement] Regarding game progress being stopped in “METAL GEAR SOLID V: THE PHANTOM PAIN” under specific circumstances.

In METAL GEAR SOLID V: THE PHANTOM PAIN which was released on September 1st, 2015 there is a possibility that the game stops progress if having Quiet as a buddy while playing “Mission 29” or “Mission 42”. This situation can be avoided by not using Quiet as a buddy while playing either “Mission 29” or “Mission 42”.

We deeply apologize, and appreciate your patience for further announcements regarding this issue.

*This issue is known to be present for Xbox 360®, Xbox One, PlayStation®3, PlayStation®4 and Steam®(PC).

Fonte: KONAMI

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.