Shin Kamen Rider: primi trailer per il film diretto da Hideaki Anno

Shin Kamen Rider: primi trailer per il film diretto da Hideaki Anno

Libero ormai da Neon Genesis Evangelion, almeno per il momento, il buon Hideaki Anno si è ormai giò immerso nel suo prossimo progetto, ovvero nella direzione del reboot cinematografico basato sull’originale serie Tokusatsu Kamen Rider, che porta il nome ufficiale di Shin Kamen Rider.

Sebbene il debutto del film sia fissato per inizio 2023, un recente evento stampa ci ha permesso di iniziare a farci una prima idea del film grazie a una coppia di trailer. Sebbene a grandi linee siano uguali, quantomeno come contenuti, in realtà è la presentazione che li differenzia: trailer A strizza l’occhio alla intro originale della serie datata 1971, mentre il trailer B propone il tutto sotto angolazioni diverse, più dinamiche, con un feeling più “attuale”.

L’evento ha colto l’occasione per presentare anche i protagonisti della pellicola, ovvero Sosuke Ikematsu nei panni di Takeshi Hongo, un giovane che verrà usato dal pericoloso gruppo Shocker per l’ambizioso esperimento che lo trasformerà in Kamen Rider No.1 (Ichigo), e Minami Hamabe in quelli di Ruriko Midorikawa, la figlia del Dr. Midorikawa, lo scienziato che ha aiutato Takeshi a sfuggire dalle grinfie degli Shocker prima che potessero fargli il lavaggio del cervello e usarlo per i propri scopi.

Qui sotto potete ammirare i due trailer della pellicola in arrivo. Qual è il vostro preferito? Fatecelo sapere nei commenti!

Trailer A

Trailer B

Fonte: Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*