Yakuza 6: The Song of Life, uscita posticipata ad aprile

Yakuza 6: The Song of Life

Tramite un triste messaggio sull’account Twitter ufficiale della serie, SEGA ha annunciato un ritardo nell’uscita di Yakuza 6: The Song of Life, prevista per il prossimo 20 marzo e ora posticipata al successivo 17 aprile in Europa e Nord America.

Quasi un mese di ritardo che servirà al team di localizzazione per ottimizzare al meglio la versione occidentale di questo capolavoro annunciato, l’ultima grande avventura di Kazuma Kiryu all’interno della serie. Di buono però c’è l’annuncio di una versione di prova del gioco, che verrà distribuita sul PlayStation Store nostrano il prossimo 27 febbraio. I dati di salvataggio della demo potranno essere trasferiti nel gioco completo una volta che lo stesso verrà reso disponibile.

Di seguito, il messaggio di SEGA.

La data di uscita di Yakuza 6: The Song of Life viene posticipata di un mese, fino al 17 aprile. È stata una decisione difficile da intraprendere in termini di business. Tuttavia, assieme alla cattiva notizia, abbiamo anche qualcosa di buono — che ci consentirà di preparare al meglio le cose fino al lancio: il prossimo 27 febbraio sarà disponibile una demo di Yakuza 6 e permetterà ai giocatori di trasferire i dati salvati nella versione completa del gioco. Sarà la prima volta che tutti quanti avranno la possibilità di provarlo (un momento che stavamo aspettando con ansia!) e non vediamo l’ora di sapere cosa ne pensate a riguardo. Abbiamo diverse cose da rivelare nelle prossime settimane per potervi coinvolgere ancora di più all’interno della serie: restate sintonizzati!

Fonte: SEGA via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.