Nintendo conferma la chiusura di due uffici in Nord America

Nintendo conferma la chiusura di due uffici nordamericani

Assieme alla notizia delle dimissioni di Nick Chavez, vice presidente senior del settore Sales e Marketing, Nintendo conferma la tanto vociferata chiusura di due studi nordamericani, ovvero quello in California e quello di Toronto. Il personale verrà spostato negli studi rispettivamente più vicini, ovvero quelli di Redmond (Washington) e Vancouver (Canada).

A guidare il reparto di Sales e Marketing sarà adesso Devon Pritchard, vice presidente esecutivo del reparto Business Affairs e Publisher Relations.

La decisione di queste chiusure non ha lasciato affatto contento lo staff, che sebbene possa contare contare sulla notizia dello spostamento nello studio di Redmond o Vancouver, non ha la certezza che a passare saranno tutti gli impiegati.

Il rilascio di un considerevole numero di personale è abbastanza raro per Nintendo, con l’ultima degna nota risalente al 2014, quando la compagnia lasciò andare oltre 300 dipendenti. All’epoca del fatto, il compianto Satoru Iwata si disse contrario a questa decisione in quanto credeva fermamente che avrebbe minato il morale dell’intero staff.

Fonte: Nintendo via Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Dal 2013 la redazione di Akiba Gamers si prodiga nell'informare e intrattenere gli appassionati di videogiochi giapponesi. Dal 2018 il sito parla anche di Giappone, anime, manga, cinema e tanto altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.