Tokyo Game Show: l’edizione 2022 torna in presenza

Tokyo Game Show 2022

Da quando è scoppiata la pandemia da COVID-19 in tutto il mondo, tantissimi eventi importanti sono stati cancellati per garantire la sicurezza e impedire la diffusione del pericoloso virus, mentre altri sono fortunatamente riusciti a svolgersi in versione “virtuale”, ovvero totalmente online e con dirette streaming. Ma adesso che la situazione sembra si stia pian piano stabilizzando, grazie anche alla campagna di vaccinazioni, qualcuno tenta il ritorno alla normalità riaprendo al pubblico, come nel caso del Tokyo Game Show.

Dopo qualche edizione digitale, l’organizzazione dell’evento nipponico dedicato alle novità del settore videoludico ha annunciato che, salvo ulteriori imprevisti, questo 2022 vedrà il ritorno dell’evento in formato fisico, ovvero con la presenza di pubblico.

Il Tokyo Game Show 2022 si terrà quindi dal 15 al 18 settembre presso il Makuhari Messe di Chiba, Giappone. I giorni 15 e 16 saranno destinati alla parte business, mentre l’apertura agli spettatori è fissata per il 17 e 18.

Con l’inizio della pandemia il TGS passò a digital-only nel 2020 e in versione ibrida digitale-fisica nel 2021, dove in quel caso solo la parte business era ammessa a partecipare, mentre il pubblico generale doveva fare da spettatore virtuale.

Il tema dell’edizione 2022, che segna il ritorno in presenza, sarà “Niente può fermare il gaming”, spiegando che sebbene gli eventi siano stati costretti a cambiare o sparire momentaneamente dalle nostre vite, i videogiochi sono rimasti, e continueranno a rallegrarci le giornate ora e per sempre.

Fonte: Computer Entertainment Supplier’s Association via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.