My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes – Recensione

Continua la stagione degli anime al cinema targati Nexo Digital & Dynit, stavolta con il primo esaltante lungometraggio tratto dal manga di Kōhei Horikoshi, My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes.

My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes - Recensione

Un arrivo travagliato, quello di My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes (僕のヒーローアカデミア THE MOVIE ~2人の英雄ヒーロー), coi suoi otto mesi di ritardo rispetto alla prima proiezione nipponica del 3 agosto del 2018 che però, nonostante l’enorme attesa, viaggia sugli stessi binari dell’opera centrale arricchendone così l’universo di base. Basato sull’omonima opera di Kōhei Horikoshi, lo studio Bones compie il salto di qualità creando 97 minuti che costruiscono un crescendo continuo, concentrando in un unico lungometraggio il pathos che una stagione intera della serie animata ha saputo donare agli appassionati.

Una prova che non ha impiegato particolari sforzi per il vissuto studio, che già traspose serie molto amate dagli appassionati dell’animazione giapponese, spaziando tra i generi più disparati: dal mecha con I Cieli di Escaflowne e RahXephon, allo shōnen adattando Soul Eater e varie serie di Fullmetal Alchemist così come allo sci-fi con Space Dandy. Squadra che vince non si cambia, mantenendo infatti l’intero team principale dell’adattamento televisivo di My Hero Academia, primo fra tutti il direttore dell’animazione e character designer della serie Yoshihiko Umakoshi, un nome che equivale a una garanzia, avendo regalato le migliori sequenze animate che l’opera avrebbe mai potuto avere: una tra tutte lo scontro tra il protagonista Midoriya Izuku e il bello e tormentato Todoroki Shōto nelle semifinali del torneo scolastico.

My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes

La serie di Horikoshi ha ottenuto meriti, riconoscimenti ed elogi da parte di una miriade di fan oltreoceano, differentemente dall’immaginario in terra natia dove viene preso come l’ennesimo shōnen di casa Jump; ciò nonostante, grazie all’immenso supporto che l’opera sta avendo dalla messa in onda su JNN dal 7 luglio del 2016, oltre a una quarta stagione già annunciata si è giunti infine al primo lungometraggio. Un traguardo molto importante soprattutto per l’autore per il quale, dato il sogno di potersi affacciare allo sfavillante universo supereroistico americano, venne creato un sito apposito per la presentazione nipponica di Avengers – Infinity War dove i suoi personaggi presentavano i protagonisti del cinefumetto.

Tornando invece alla pellicola, in My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes, con la sceneggiatura di Yōsuke Kuroda, che ha curato peraltro l’intera trasposizione anime del manga di Horikoshi, vedremo giungere Midoriya Izuku e All Might sull’isola artificiale di I Island: qui i migliori scienziati del globo si riuniscono al fine ultimo di studiare i Quirks, parola usata per definire i superpoteri che caratterizzano l’80% della popolazione mondiale in Boku no Hero Academia, così da poter fornire supporto, studi e ricerche per aiutare i supereroi professionisti. I due eroi sono stati invitati all’I Expo, l’esclusiva esposizione cui solo l’élite del mondo supereroistico può partecipare e una volta arrivati, All Might si ricongiungerà col suo vecchio partner dei tempi del progetto di scambio scolastico, David Shield: la stessa pellicola infatti, si apre mostrando gli anni d’oro dell’Eroe numero uno alle prese con le prime gesta da supereroe in America, da cui poi prenderà l’intera caratterizzazione della propria figura.

My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes

Ormai divenuto uno scienziato di fama mondiale, vincendo per di più l’equivalente del premio Nobel, David Shield e sua figlia Melissa accoglieranno Midoriya e All Might, iniziando una divisione metaforica che spezzerà l’atmosfera del film; mentre Melissa e Midoriya si divertiranno a esplorare l’esposizione, David e All Might resteranno a parlare del passato rispetto al deterioramento del corpo dell’eroe. Le condizioni di salute del Numero Uno stanno letteralmente precipitando e se dovesse continuare a peggiorare, molto presto dovrà ritirarsi: si tratta di retroscena che gli appassionati già conoscono bene, poiché questo film si colloca prima degli avvenimenti dell’emozionante climax della terza serie. Il giovane Midoriya però non sarà il solo a partecipare all’I-Expo e sarà raggiunto da alcuni dei suoi compagni di corso della UA: rivedremo perciò volti apprezzatissimi dai fan come Todoroki e Iida, così come alcune delle ragazze tra cui Yaoyorozu e Uraraka, giunti su I-Island grazie a inviti e posti da accompagnatori. La fortissima rivalità tra Midoriya e Bakugo continua a essere un fattore onnipresente che, seppur col consueto umorismo che ne consegue, Kuroda cavalca trovando modo di far scontrare i due attraverso una delle attrazioni dell’isola.

NEXO ANIMEIn My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes avremo modo di ritrovare i nuovi eroi della serie al loro debutto cinematografico in una storia originale, dove nuovi personaggi e vecchie conoscenze ci regaleranno anche un inedito sguardo al passato di All Might.

È proprio All Might, infatti, a ricevere un invito proveniente da un vecchio amico per partecipare alla première di un grande raduno scientifico di caratura internazionale che si svolgerà su una gigantesca città mobile galleggiante chiamata ‘I Island’. Tuttavia, un misterioso villain attaccherà la fiera, dal nome ‘I Expo’, dando inizio al piano per sradicare la società degli eroi. Sarà in grado il protagonista Deku di salvare tutti da questa crisi senza precedenti?

AL CINEMA 23 e 24 MARZO! Ottieni un ingresso scontato al cinema presentando il nostro coupon sconto!

Tra i punti più forti del film c’è senz’ombra di dubbio la tempistica: scene ben dosate che seguono con cognizione di causa i canoni del genere supereroistico, pur mantenendo la propria impronta tipicamente da shōnen: sequenze d’azione sempre più dinamiche fino ad avere una breve pausa, riprendendo poi in un crescendo devastante degno di uno scontro di fine saga della controparte cartacea. Quello che si para dinnanzi allo spettatore è dunque un lungometraggio senza grandi pretese con lo scopo ultimo di divertire, dando man forte alla caratterizzazione che tanto ha fatto appassionare i fan di tutto il mondo; non si tratta perciò di un lavoro rivoluzionario che cambierà per sempre il cinema d’intrattenimento come lo si è conosciuto finora, quanto più di dare dei sostegni all’opera centrale senza andarne a variare né in negativo né in positivo la qualità complessiva.

My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes

La qualità generale è infatti piuttosto alta, cosa che ha tra l’altro trascinato anche i nostri doppiatori con una direzione molto ispirata: si ha perciò un adattamento maggiormente fedele, come per esempio le battute americane di All Might rimaste tali, così come le prestazioni dei protagonisti che si avvicinano generalmente a quelle colleghi nipponici; probabilmente merito delle tempistiche meno anguste con la possibilità di dare maggior risalto alla caratterizzazione del proprio personaggio, l’intero cast sembra aver avuto un approccio più divertito rispetto alla serie animata passata su Mediaset.

In conclusione, My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes è un lungometraggio fortemente citazionista, che s’inserisce con naturalezza nel canone della serie madre, mantenendo inoltre la stessa colonna sonora che abbiamo avuto modo di apprezzare nel corso della serie. L’umore generale che permea la familiarità dei personaggi è uno dei punti più forti della pellicola, aspettandosi perciò da parte dello spettatore un minimo d’infarinatura di base dell’opera di Horikoshi: ogni personaggio si comporta esattamente come ci si aspetterebbe dalle controparti cartacee, risultando dunque in una caratterizzazione piacevolmente coerente. La curiosità che però permea il futuro di My Hero Academia sul grande schermo è tanta e, con l’annuncio del nuovo lungometraggio in arrivo nella Terra del Sol Levante il prossimo inverno, fa sperare che – parafrasando i nostri protagonisti – “Superino ogni Limite, Plus Ultra!”

Hai mai sentito queste parole? Tutti possono essere gli eroi della propria storia

My Hero Academia THE MOVIE: Two HeroesNon un parto ma quasi, l’attesa a grandi linee è stata quella ma finalmente è arrivato anche da noi. My Hero Academia THE MOVIE: Two Heroes è stato principalmente tutto ciò che mi sarei aspettato da un film su macadamia: super-studenti spensierati a una fiera che, con la stessa casualità degli omicidi in Detective Conan, si ritrovano a doversela sbrigare con dei villain. È stata una visione veramente piacevole, che mi ha ricordato un po’ il film ONE PIECE: Gold per qualità e fattore isola creata da zero con cattivo di turno. Detto ciò, chiunque apprezzi il lavoro di Horikoshi ne resterà molto soddisfatto, mentre per chi invece non sapesse di che si tratta e volesse affacciarvisi, non sarebbe un pessimo punto d’inizio. Come detto sopra è molto auto-referenziale, ergo l’andare a ritroso nello scoprire quando è stato citato cosa potrebbe essere divertente. Supportate l’industria degli anime al cinema facendovi sentire e la stagione potrà diventare un’annata e chissà, magari in futuro non saranno più presi sottogamba e non ci sarà bisogno di aspettare otto mesi per un film.

SUPER raccomandato

LordLando
Maestro di Karate e Amicizia: temprato dall’intrattenimento nipponico vecchia scuola e dal collezionismo, il suo sogno è quello di avere in giardino lo Unicorn Gundam di Odaiba.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*