Josée, la Tigre e i Pesci: un nuovo estratto dal film doppiato in italiano

Josée, la Tigre e i Pesci: clip in italiano dal film

Anime Factory ha condiviso su YouTube una clip di circa due minuti che ci mostra una piccola anteprima del doppiaggio italiano di Josée, la Tigre e i Pesci, il lungometraggio anime in arrivo nei cinema italiani con un evento speciale, 27, 28 e 29 settembre.

Josée, la Tigre e i Pesci parla di Tsuneo, studente universitario che lavora part-time e che un giorno s’imbatte in un’anziana signora intenta a spingere un’enorme carrozzina su cui è seduta una giovane ragazza colpita da paralisi cerebrale. Josée, che si fa chiamare come l’eroina di un romanzo di Françoise Sagan, è incapace di muovere le gambe. Frequentandola, nonostante il guscio in cui la ragazza sembra essersi rinchiusa, Tsuneo scopre che il vero nome della giovane è Kumiko e inizia ad essere sempre più attratto da lei.

In attesa di poter vedere il film al cinema, godiamoci questo breve stralcio dell’edizione nostrana, ricordando che in concomitanza col film, J-POP Manga pubblicherà manga e romanzo originale da cui il lungometraggio è tratto.

Josée, la Tigre e i Pesci – Vietato Uscire all’Aperto

Vattene via estraneo!

Josée, la Tigre e i Pesci

Dallo schermo alla carta, e viceversa: J-Pop Manga porta in Italia il romanzo originale di Seiko Tanabe da cui è tratto il film animato Josée, la Tigre e i Pesci, e il manga completo in due volumi raccolto in un box da collezione. Una storia accesa e toccante, in cui le barriere architettoniche sono il simbolo degli ostacoli che si creano nel cuore di due persone, Tsuneo e Josée, così diverse tra loro; limiti che potranno essere superati solo dalla reciproca comprensione.

Nel manga, il tratto sognante e dettagliato di Nao Enomoto traspone la storia originale in modo magistrale, creando un piccolo gioiello che saprà scaldare il cuore di tutti gli appassionati. Entrambi il romanzo e il cofanetto manga saranno disponibili in libreria, fumetteria e negli store online a partire dal 29 settembre.

Realizzato dallo STUDIO BONES, celebre per molti titoli di successo come My Hero Academia, Fullmetal Alchemist, Josée, la Tigre e i Pesci è una storia di formazione che racconta la relazione tra Josée, un’artista disabile di talento e Tsuneo, un laureando in biologia marina, che si incontrano per caso e si scoprono attratti l’uno dall’altro.

La storia di Josée, la Tigre e i Pesci è stata precedentemente trasposta in un film live action nel 2003, ma solo attraverso l’animazione si è potuta esaltare la brillantezza della vita quotidiana, il batticuore dell’amore e lo scintillio della vita. La narrazione è stata adattata e ambientata in tempi recenti, in modo che Josée e Tsuneo potessero rispecchiare al meglio le attuali generazioni, per rappresentare in maniera delicata e rispettosa tutte le persone che a causa della loro disabilità si muovono solo su una sedia a rotelle.

Josée, la Tigre e i Pesci è stato nominato come “Miglior film d’animazione” al Japan Academy Film Prize, è stato il film di apertura al Festival Internazionale del film d’animazione di Annecy e di chiusura del Festival internazionale del cinema di Busan. Kotaro Tamura (regista della serie Noragami e assistente alla regia di Wolf Children) fa il suo debutto alla regia cinematografica con una sceneggiatura scritta da Sayaka Kuwamura (Strobe Edge, Drive). Il disegnatore di manga Nao Emoto (Savage Season) si è occupato dell’ideazione dei personaggi, mentre Haruko Iizuka (Horimiya) ha curato character design e direzione generale delle animazioni. Le musiche del film sono di Evan Call (Violet Evergarden) e le canzoni di Eve, che vanta un totale di circa 500 milioni di visualizzazioni di video musicali e ha un talento in grado di ritagliare con parole semplici e melodie sofisticate i dolori e le gioie di tutti i giorni.

Il romanzo Josée, la Tigre e i Pesci è molto popolare in Giappone e la storia dei due protagonisti ha avuto una grande influenza su diverse generazioni. Parlando del momento in cui ha deciso di realizzare un film animato legato all’opera di Seiko Tanabe, il regista Kotaro Tamura ha affermato: “Il mio primo approccio con «Josée, la Tigre e i Pesci» è avvenuto grazie al romanzo originale. A dire il vero, Shuzo Kazahara [producer] aveva preparato un bel po’ di romanzi dentro un sacchetto e dopo averli letti tutti scrupolosamente è stato «Josée» a venire da me. In quel momento mi sono ricordato di averne già sentito il titolo grazie al film live action.” La sceneggiatrice Sayaka Kuwamura ha aggiunto: “Ho conosciuto per la prima volta «Josée» attraverso il film live action, ma poco prima entrando per caso in una libreria ne ho notato il romanzo. Riflettendo sul fatto che non avevo mai letto nulla di quell’autrice l’ho preso in mano e gli ho dato una rapida lettura. L’ho riletto poi con attenzione e ho trovato il personaggio di Josée pieno di fascino, così come «Josée», «la tigre», «i pesci». Il gusto di scegliere quei tre nomi per il loro valore simbolico era meraviglioso.”

SINOSSI

Tsuneo è uno studente universitario che lavora part-time. Un giorno s’imbatte in un’anziana signora intenta a spingere un’enorme carrozzina al cui interno c’è Josée, una ragazza colpita da paralisi cerebrale incapace di muovere le gambe, che si fa chiamare come l’eroina di un romanzo di Françoise Sagan. Frequentandola, nonostante il guscio in cui la ragazza sembra essersi rinchiusa, Tsuneo scopre che il vero nome della giovane è Kumiko ed inizia ad essere sempre più attratto da lei.

Per ulteriori informazioni su Josée, la Tigre e i Pesci e su tutti i prodotti Anime Factory, continua a seguirci sul sito ufficiale animefactory.it, su Facebook e su Instagram.

Fonte: Anime Factory via Koch Media

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*