Pokémon Spada e Scudo: tutte le novità dall’E3 2019

Pokémon Spada e Scudo

Nintendo, durante l’E3 2019, ha rilasciato nuove informazioni per Pokémon Spada e Scudo, in arrivo il 15 novembre su Nintendo Switch.

Tra le interessanti novità rilasciate durante il Nintendo Treehouse troviamo la conferma della presenza di due tipologie di incontri. Non solo potremo vedere i mostriciattoli tascabili all’interno del mondo di gioco, ma faranno il loro ritorno anche gli incontri casuali nell’erba alta. Ma non è tutto, potremo infatti attirare i Pokémon nelle circostanze fischiando in modo da attirarli verso di noi. Non tutte le creature reagiranno alla stessa maniera, sarà infatti possibile che alcune creature scappino al suono del nostro fischio piuttosto che esserne attirate.

Viene poi confermata la presenza di Pokémon diversi a seconda delle Terre Selvagge, nella stessa area infatti potremo incontrare creature differenti in base al clima. Ad esempio quando nevicherà sarà possibile incontrare più mostriciattoli di tipo ghiaccio. Durante l’esplorazione potremo accovacciarci e camminare lentamente per poter arrivare alle spalle dei Pokémon senza farli fuggire, in modo da riuscire a catturare anche le creature più timide.

Farà inoltre ritorno la bicicletta, che per l’ottava generazione è stata modificata per poter essere più pratica all’interno delle immense Terre Selvagge. In Pokémon Spada e Scudo infatti con la nostra bicicletta potremo persino attraversare le superfici acquatiche, in quanto le sue ruote si gonfieranno fino a diventare una sorta di canotto. È stata inoltre mostrata l’interazione tra i giocatori all’interno delle Terre Selvagge. Potremo infatti vedere i giocatori direttamente all’interno del gioco e utilizzare degli sticker per comunicare con loro.

Grazie ad essi possiamo ad esempio chiedere ai giocatori vicini di effettuare uno scambio o una battaglia. Sarà possibile connettersi con altri giocatori sia in modalità locale che grazie all’online. Come precedentemente anticipato assieme ad essi potremo affrontare anche gli incredibili Raid Dynamax, in cui può partecipare un massimo di quattro giocatori. Prima di iniziare la battaglia con la maestosa creatura dovremo scegliere quale dei nostri Pokémon mandare in battaglia, dovremo scegliere strategicamente in quanto non potremo cambiarlo durante il combattimento.

Tutti i partecipanti al Raid Dynamax avranno l’opportunità di catturare il Pokémon avversario, nonostante ciò anche chi non riuscirà a catturarlo potrà ottenere tantissime utili ricompense. Junichi Masuda ha poi parlato delle funzionalità di Pokémon HOME e di come questa interagirà con la coppia di giochi di ottava generazione. A differenza dei precedenti servizi come la Banca Pokémon, che permetteva di trasferire qualsiasi tipologia di creatura, con questa nuova applicazione potremo trasferire solamente i Pokémon presenti all’interno della regione di Galar.

Nella regione di Galar incontreremo tantissime tipologie di Pokémon diverse, inclusi quelli inediti che verranno introdotti nell’ottava generazione. Non sarà dunque facile catturarli tutti, completare il Pokédex richiederà dunque per i giocatori un impegno non indifferente. Vi lasciamo ora con il ricchissimo gameplay di Pokémon Spada e Scudo rilasciato nel corso del Nintendo Treehouse 2019. Buona visione.

RIVELATI NUOVI DETTAGLI SU POKÉMON SPADA E POKÉMON SCUDO: NUOVE RIVELAZIONI SUI RAID DYNAMAX, SULLE TERRE SELVAGGE E TANTO ALTRO

Annunciate anche una nuova Capopalestra e la compatibilità con la Poké Ball Plus ​​​​​​​

Londra, 11 giugno 2019 — Sono stati svelati altri dettagli a proposito dei Raid Dynamax e delle Terre Selvagge, due nuovi elementi presenti negli attesissimi giochi Pokémon Spada Pokémon Scudo. Inoltre, è stata presentata una nuova Capopalestra e annunciata la compatibilità con la Poké Ball Plus. Pokémon Spada Pokémon Scudo, gli ultimi titoli della serie principale di videogiochi Pokémon, saranno disponibili il 15 novembre 2019 in esclusiva per Nintendo Switch.

I Pokémon delle Terre Selvagge
La regione di Galar è caratterizzata da vaste distese note come “Terre Selvagge” che sono l’habitat di svariati tipi di Pokémon. Esplorando le Terre Selvagge per la prima volta, gli Allenatori noteranno che i Pokémon selvatici molto potenti e sempre all’erta. Le condizioni atmosferiche nelle Terre Selvagge possono influenzare sia i Pokémon selvatici che appaiono, sia il campo di lotta: ad esempio, lottando durante un temporale le mosse di tipo Acqua ed Elettro saranno più potenti.

I Raid Dynamax
I Raid Dynamax sono lotte speciali che hanno luogo in Pokémon Spada e Pokémon Scudo quando quattro giocatori uniscono le forze per affrontare un Pokémon Dynamax selvatico nelle Terre Selvagge. Gli Allenatori potranno trovare altri giocatori disposti a partecipare a un Raid Dynamax tramite una notifica nelle Funzioni Y-Comm, una novità di Pokémon Spada e Pokémon Scudo. Nella schermata delle Funzioni Y-Comm, i giocatori potranno anche fare scambi e lotte in link tramite Internet o comunicazione locale.

Il fenomeno Dynamax, che si manifesta solamente a Galar, è in grado di far assumere ai Pokémon dimensioni gigantesche e di fargli sprigionare una potenza inaudita. Esaminando le tane di Pokémon che si trovano nelle Terre Selvagge, gli Allenatori potranno incontrare Pokémon Dynamax di specie e livelli di forza diversi. Durante la lotta, questi Pokémon potrebbero usare più mosse in un turno, neutralizzare l’abilità degli altri Pokémon in campo o persino annullare tutte le modifiche alle statistiche effettuate. I Pokémon Dynamax selvatici sono inoltre in grado di generare barriere misteriose che li proteggono da quasi tutti i danni: gli Allenatori dovranno quindi abbatterla, colpendola ripetutamente, per riuscire a infliggere efficacemente dei danni al Pokémon Dynamax. Se il Pokémon di un Allenatore finisce KO, quest’ultimo potrà comunque fare il tifo per gli altri Allenatori! Se un Allenatore riuscirà ad avere la meglio in un Raid Dynamax, tutti gli Allenatori che hanno partecipato alla lotta avranno modo di tentare la cattura del Pokémon Dynamax appena sconfitto, e potrebbero anche ricevere molti strumenti utili.

Azzurra, la Capopalestra esperta del tipo Acqua 
Nella regione di Galar vi sono vari stadi che ospitano le Palestre, dove si trovano Allenatori e Allenatrici specializzati in un determinato tipo. Per ottenere il titolo di Campione o Campionessa, i giocatori dovranno sconfiggere l’Allenatore più forte di ogni Palestra, ovvero il Capopalestra. In Pokémon Spada e Pokémon Scudo, gli Allenatori si troveranno ad affrontare Azzurra, una Capopalestra esperta di Pokémon di tipo Acqua. Il suo atteggiamento calmo e posato nasconde un forte spirito competitivo e una volontà di ferro, qualità che si manifestano nelle potenti mosse di tipo Acqua che usa per spazzare via i suoi avversari.

Compatibilità con la Poké Ball Plus 
Collegando Pokémon Scudo Pokémon Spada a una Poké Ball Plus, i giocatori potranno trasferirvi il loro Pokémon preferiti e portarli a spasso nel mondo reale. Si vedrà la Poké Ball Plus illuminarsi e vibrare, e ogni tanto si sentirà anche il verso del Pokémon al suo interno. Appena acquistate, le Poké Ball Plus conterranno il Pokémon misterioso Mew al loro interno. Collegando una Poké Ball Plus nuova a Pokémon Spada Pokémon Scudo, i giocatori potranno ricevere Mew in quel gioco. A differenza di quanto avviene per Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Pokémon: Let’s Go, Eevee!, la Poké Ball Plus non potrà essere usata come controller in Pokémon Spada e Pokémon Scudo.

Per saperne di più su Pokémon Spada e Pokémon Scudo, clicca qui: Pokemon.it/SpadaScudo.

Fonte: Nintendo, The Pokémon Company

Faith
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*