Call of Duty incontra L’Attacco dei Giganti, il risultato è grottesco

Call of Duty incontra L’Attacco dei Giganti, il risultato è grottesco

Le collaborazioni fra anime e videogiochi occidentali non sono di certo una novità ed è anche vero che in questo momento, specie in questi giorni che L’Attacco dei Giganti Stagione 4 Parte 2 ha finalmente cominciato la sua messa in onda, la trasposizione animata del manga di Hajime Isayama sta godendo di una popolarità incredibile. Tutto potevamo aspettarci, tuttavia, tranne che la collaborazione con uno degli FPS più diffusi nel panorama videoludico mondiale, Call of Duty.

Tramite un post sul PlayStation Blog ufficiale, Sony Interactive Entertainment annuncia la collaborazione fra Attack on Titan e due iterazioni dello sparatutto di Activision, Call of Duty: Vanguard e Warzone Pacific. Tuttavia, come già avrete capito dal titolo di questa notizia, il risultato non è certamente dei migliori. In un certo senso, lo stile realistico di Call of Duty non è molto affine all’estetica in stile anime della suddetta serie.

In questo speciale DLC dedicato a Levi sarà possibile vestire i panni del membro del Corpo di Ricerca e utilizzare le caratteristiche lame per fare a fette i soldati nemici. Il prezzo sarà di circa 20 € e il pacchetto sarà disponibile a partire dal 20 gennaio, in concomitanza con il midseason update. È possibile vedere in azione le skin di Attack on Titan seguendo questi link:

Cosa ne pensate di questa nuova collaborazione? Fatecelo sapere nei commenti.

Fonte: PlayStation Blog

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.