Il Boys Love manga café Libre Sendai chiude per motivi di sicurezza

Il Boys Love manga café Libre Sendai chiude per la presenza di visitatori di sesso maschile

Libre Sendai, il manga café giapponese interamente dedicato al genere Boys Love, ha confermato la cessazione dell’attività dello scorso 28 febbraio per motivi di sicurezza. Il locale, pensato per un pubblico solo femminile, vedeva durante la notte la presenza di visitatori maschi con intenti sconosciuti.

Questi eventi hanno fatto nascere molti pensieri e incertezze nei proprietari, che hanno deciso nella chiusura per tutelare la sicurezza delle clienti.

La notizia della chiusura è stata riportata sul Twitter ufficiale del locale, e informa anche che grazie al supporto dei clienti, i manga sono stati preservati ed è stata creata una piccola libreria.

Essendo un luogo pensato per essere frequentato da un pubblico solo femminile, sono in molti ad aver pensato che l’intento di questi visitatori potesse essere quello di rimorchiare, importunare o addirittura stalkerare le frequentatrici. Non sono mancate alcune critiche generali che riportavano la presenza di un solo uomo, e che invece di chiudere si sarebbe potuto fare di più a livello di sicurezza. Denunciare l’accaduto avrebbe magari portato a eventuali sanzioni o risoluzione del problema, evitando così che persone potenzialmente pericolose possano continuare a causare problemi, mentre chiudere tutto senza neanche provarci, assieme ad altri piccoli problemi del locale segnalati da alcuni utenti, possono far pensare che la chiusura sia dovuta ad altro e si stia solo usando un pretesto.

Probabilmente non sarà mai possibile sapere da che parte sta la verità, per cui tocca accettare la chiusura e guardare avanti.

Fonte: Libre Sendai via Anime News Network

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.