Ys IX: Monstrum Nox, collaboratori e contenuti extra svelati da Falcom

Ys IX: Monstrum Nox

Falcom ha nuovamente aggiornato il sito ufficiale di Ys IX: Monstrum Nox con nuove immagini e informazioni riguardo i “collaboratori” e i contenuti extra.

I collaboratori sono speciali NPC nei quali Adol si imbatterà nel corso della storia durante le quest. Incontrando determinati abitanti di Balduq nel corso della storia principale e in varie sbuquest, essi diverranno collaboratori e offriranno il proprio aiuto per le attività di Adol all’interno della città. Lavorare con loro non sarà utile solo per esplorare la città, ma anche per rafforzare i personaggi e ottenere oggetti speciali.

Tra questi troveremo Silhouette che occuperà il ruolo di “Handler” (che ci venderà oggetti precedentemente trovati in altri negozi) e Maxim, responsabile del mercato nero che ci procurerà oggetti rari altrimenti non reperibili nei negozi.

Tra i contenuti extra, troviamo la raccolta dei petali di fiori blu che “portano felicità” e sono disseminati per tutta Balduq. Collezionandoli e portandoli alla donna chiamata Margaret potremo ottenere vari oggetti. Inoltre, portandole un certo numero di petali, il suo tono di voce potrebbe cambiare.

Nella città troveremo inoltre una serie di graffiti e, investigando a riguardo potremo fare rapporto a Baran per ottenere alcune ricompense come informazioni utili oppure miglioramenti per le abilità dei personaggi.

Ys IX: Monstrum Nox uscirà in Giappone su PlayStation 4 il prossimo 26 settembre.

Fonte: Nihon Falcom via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*