Nasce il Gunpla Recycling Project, per riciclare le plastiche in avanzo dei model kit

GUNPLA

Sin dal 1980, la celebre compagnia BANDAI ha portato sul mercato senza sosta i celebri GUNPLA, chiamati così i model kit in plastica dedicati al popolarissimo franchise mecha Mobile Suit Gundam.

Se siete un minimo pratici di questi, saprete sicuramente che non tutte le plastiche presenti all’interno della confezione, alla lunga, sono utili: ciascun pezzo assemblabile è attaccato infatti a dei “runner”, uno degli elementi della confezione che, una volta staccate le parti e completato il progetto, restano buttati da qualche parte senza più uno scopo.

Il Gunpla Recycling Project nasce infatti per raccogliere queste parti una volta diventate inutili, con degli appositi cestoni già installati all’interno delle sale giochi NAMCO di Kawasaki e Osaka, e altri 190 pianificati in arrivo per tutto il Giappone.

Le parti raccolte verranno da questi cestoni verranno suddivise in tre tipi di riciclaggio: chimico, meccanico, e termico:

Fonte: BANDAI via SoraNews24

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

2 commenti

  1. Avatar

    ma vuoi dire che i jappi non fanno la differenziata? io butto la scatola nella carta e gli sprue nella plastica

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*