NieR Automata: intervista a Taro Yoko e Yosuke Saito

NieR: Automata

Tramite un paio di interviste concesse ai microfoni di Famitsu e Dengeki PlayStation, Taro Yoko e Yosuke Saito, rispettivamente director e producer del nuovo NieR: Automata, hanno parlato di alcuni nuovi dettagli riguardanti questo action RPG esclusivo per PlayStation 4 attualmente in sviluppo presso Platinum Games. Di seguito vi riportiamo le risposte salienti.

Quanti protagonisti ci saranno?
Saito: “Di protagonisti veri e propri, due personaggi.”
Yoko: “Io ho come la sensazione che saranno in tre.”

Qual è il sesso di 2B?
Saito: “Una specie di… ragazza?”
Yoko: “È un segreto.”

Perché avete deciso di renderlo un personaggio femminile?
Yoko: “Perché mi piacciono le ragazze.”
Saito: “Abbiamo chiesto ad Akihiko Yoshida di realizzare un outfit che sarebbe potuto risultare accattivante come cosplay.”

Ci sono Androidi appartenenti ad altri sessi?
Yoko: “I generi in questione sono un segreto, ma ci sono androidi di sesso maschile e femminile.”

Qual è il significato di “YorHa”?
Yoko: “Nulla di particolare. I suoi kanji sono 寄葉, ma non hanno un significato particolarmente profondo.

Abbiamo visto qualcosa di simile a un facocero, saremo in grado di cavalcarlo?
Yoko: “Ho detto ai ragazzi di Platinum Games che alla gente piacerebbe cavalcarli.”

Di seguito una raccolta di informazioni essenziali tratte dalle due interviste.

  • Gli Androidi sono coloro che combattono per riconquistare la Terra, gli umani non partecipano in prima linea agli scontri.
  • Ci sono tantissime armi che dobbiamo ancora conoscere.
  • I Pod ci aiuteranno con gli attacchi a distanza mentre i giocatori si potranno concentrare su quelli ravvicinati. Potremo utilizzarli per planare sulle mappe. I Pod sono in grado di parlare, ma in maniera simile ai navigatori satellitari della auto, non proveranno alcuna emozione.
  • Ci sono molte idee in ballo per la personalizzazione dei Pod, ma non è ancora stato deciso come verranno implementate.
  • C’è la possibilità che vengano rilasciati costumi DLC per 2B.
  • La gonna di 2B potrà gradualmente distruggersi con i danni ricevuti in battaglia. Sotto la gonna, tuttavia, indossa un body.
  • La base delle Macchine Senzienti è la stessa, ma potranno variare in termini di colori, parti, texture e veicoli cavalcati.
  • L’enorme Macchina Senziente vista nel trailer non è un boss, ma un “tirapiedi piuttosto forte”. Tra le altre cose, è anche uno dei più piccoli delle Macchine giganti.
  • Ci sono creature viventi simili a cervi, e probabilmente saremo in grado di cavalcarli.
  • Il gioco sarà ambientato nello stesso mondo del primo, ma in un’epoca differente; le due storie non saranno direttamente connesse. Lo scopo è quello di permettere a chiunque non abbia giocato al primo di divertirsi allo stesso modo. Allo stesso tempo, chi ha giocato il primo riconoscerà con piacere alcuni elementi familiari.
  • Yoko: “L’azione stile Platinum Games potrebbe sembrare un po’ complicata, ma stanno lavorando in modo che chiunque possa giocarci divertendosi.”
  • Saito: “Leggendo la trama scritta da Yoko-san ho notato come il finale verta in modo positivo. La storia è talmente buona che ad un certo punto mi è venuto spontaneo chiedergli: Ma sei sicuro che il finale debba essere così felice?”
  • Entrambi sono molto soddisfatti del lavoro svolto da Platinum Games, che giudicano un team molto professionale e appassionato.
  • Il prossimo aggiornamento verrà diffuso intorno alla primavera, probabilmente nel corso di un evento in Giappone.

Fonte: Famitsu e Dengeki via Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.